I RICORDI

Morandi e la foto a Giulianova negli anni '60: «lì i miei primi passi, che tempi!»

Una immagine pubblicata su Facebook

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

517

Morandi e la foto a Giulianova negli anni '60: «lì i miei primi passi, che tempi!»

Gianni MOrandi a Giulianova negli anni '60

GIULIANOVA. Un giovanissimo Gianni Morandi, in bianco e nero, sorridente e «pieno di voglia d’arrivare» pronto ad esibirsi alla ‘Lalterna’ di Giulianova.

La tenerissima foto l’ha pubblicata questa mattina proprio il cantante di Monghidoro divenuto ormai negli ultimi mesi un fenomeno del web con una pagina che conta 2,5 milioni di ‘amici’.

Oltre a raccontare le sue gesta quotidiane, di tanto in tanto Morandi tira fuori e offre al suo pubblico vecchi scatti dal passato. Oggi la foto è proprio quella scattata negli anni 60 in Abruzzo.

E lui la racconta così: «i primi passi. Giulianova in Abruzzo, dancing "La Lanterna".
Allora non c'erano i talent come "X Factor" o "Amici". Per imparare il mestiere si faceva la gavetta, girando la penisola e cantando dappertutto: balere, dancing, piazze, oratori, campi sportivi, fiere di paese... Che tempi, che fame, che voglia di arrivare!»

Lo storico locale era un posto esclusivo per cantanti di fama nazionale e nuove proposte. Indimenticabili le serata con artisti del calibro di Mina, Peppino di Capri, Nico Fidenco che suonavano accompagnati solo dal pianista di fiducia. Anni d’oro. Come ricorda in un articolo di molti anni fa Giulianova Web Cesare Conte, La Lanterna era uno dei primi locali estivi, nel giardino adiacente al Kurssal. Conosciuto come ‘Il Trenino di Santà Fè, ha poi cambiato nome diventando prima Il Calipso Fiorito e La Lanterna blu.

Le serate erano allegre, si cantava e si ballava e, come ricorda Conte, i vicini si lamentavano anche se il volume non era mai troppo alto: «spesso l’unico microfono è appannaggio esclusivo della o del cantante. Un piccolo amplificatore è riservato alla chiratta elettrica, ma tenuto a livello bassissimo per non coprire gli altri strumenti».