CULTURA

Torna ‘Il Fiume e La Memoria’, una settimana di eventi tra lungofiume e centro storico

L’evento ideato da Milo Vallone

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

436

Torna ‘Il Fiume e La Memoria’, una settimana di eventi  tra lungofiume e  centro storico

Milo Vallone

PESCARA. Il Festival “Il Fiume e la Memoria” che, alla fine degli anni ’90 per poi proseguire sino ai primi del 2000, ha animato con spettacoli di teatro, concerti, retrospettive cinematografiche, mostre, esposizioni ed eventi pubblici, l’attività culturale nella città di Pescara, torna ad essere protagonista con un’edizione completamente rinnovata.
Il Festival, la cui ultima edizione risale al 2011, si è fermato poiché l’ideatore e direttore artistico, l’attore e regista pescarese Milo Vallone, in questi anni, pur ricevendo numerosissime e continue sollecitazioni per poter continuare la felice ed entusiasmante esperienza artistica che era la kermesse da lui diretta, non trovava in chi si è succeduto alla guida delle Istituzioni interessate, la capacità di tradurre quelle sollecitazioni stesse.
«E come se ci fosse stato una sorta di “corto circuito” – afferma Milo Vallone - tra le istanze di cittadini, operatori e turisti e i rappresentanti che di quelle istanze dovrebbero farsi interpreti. 
A rimetterci, in termini di sviluppo e decoro rischia di essere proprio la zona interessata, che orfana di una adeguata e mirata politica culturale e di conseguenza turistica, e abbandonata ad una crescita e ad uno sviluppo disorganico si ritrova, da qualche anno, ad essere un luogo che rischia di smarrire in modo drastico, le reali potenzialità ricettive. Anni fa, all’epoca, ci occupammo della valorizzazione e contribuimmo in modo decisivo alla trasformazione di quell’area. Oggi ci prefissiamo l’obiettivo, di rivalutarla».

 “IL FIUME 2015”

E così da Lunedì 7 a Domenica 13 torna il festival che malgrado le ristrettezze del periodo e del relativo budget avrà un cartellone di tutto rispetto con 13 tra spettacoli e performance (tra cui alcune esclusive e due prime nazionali), 2 mostre, 1 esposizione, 1 istallazione 2 giornate di animazione e 1 workshop sull’improvvisazione teatrale.
Grandi nomi quelli dei professionisti coinvolti con 3 produzioni che vedono protagonisti grandi personalità nazionali, gli artisti Micol Olivieri (attrice protagonista della fiction “I Cesaroni” di Canale 5, nel ruolo di Alice) e Giovanni Palanza (attore improvvisatore campione del mondo nel 1998); e poi Antonio Mancini ex esponente di spicco della Banda della Magliana e oggi “uomo nuovo” che si sta facendo promotore di apprezzabili azioni filantropiche nonché di un desiderio di comunicare certe verità storiche troppo spesso traviate a favore di più favolose manipolazioni commerciali.
Non da ultimo una grande attenzione per artisti locali, specialmente i più giovani a cui non sempre viene garantita quella dignitosa possibilità espressiva che il loro talento merita.
«Centouno gli artisti coinvolti complessivamente – afferma Vallone – Una vera e propria carica. Una carica espressiva che non può e non deve rimanere inascoltata. L’adesione di questo esercito di artisti e personalità, alla rinascita di questo progetto, di questa zona è un grido composto che necessita un’attenzione sempre più adeguata. Nell’interesse di tutti.
Spero che presto si torni a considerare gli artisti ciò che per millenni sono sempre stati ma che in questi ultimi anni distratti, taluni sembrano aver dimenticato, ossia che gli artisti sono una risorsa, e non un peso».

In questa edizione poi farà da protagonista il concetto di “memoria” esteso anche allo spazio e non solo al tempo. Diverse sono le offerte che porteranno l’accento sul “far memoria” di realtà geografiche, sociali e ambientali che non meritano l’oblio. Ci saranno così momenti dedicati a L’Aquila, all’immigrazione, al Senegal e al fiume Pescara, e al suo stato di salute.
Su questa scia inoltre sarà, ulteriore novità di quest’anno, l’idea del direttore artistico di affiancare ad ogni performance una causa di cui “far memoria”. 
Ad ogni spettacolo sarà abbinata dunque un’associazione no-profit che avrà così spazio e modo di sensibilizzare il pubblico che interverrà verso le cause umanitarie per le quali si batte.

Il Fiume e la Memoria festival – edizione 2015

PROGRAMMA degli spettacoli: Da Lunedì 7 a Domenica 13 Settembre

 Lunedì 7

 Ore 21:00 - Piazza Garibaldi

 Cantiere Teatrale Adriatico
presenta
Donne al parlamento” di Aristofane.
Adattamento e regia di Milo Vallone.

 Martedì 8

Sezione Aperitivo

Ore 19:15 - Centro Storico

 Fiume Pescara: situazione attuale e possibili soluzioni”.
Incontro con il dott. Giovanni Damiani, direttore tecnico dell’ARTA-Abruzzo.
Introduce e modera il dott. Stefano De Ritis.

 Ore 21 - Piazza Garibaldi

 Stefano Francioni Produzioni

Presenta

“Ti racconto una storia”.

Regia di Morena D’Onofrio.

Con Micol Olivieri.

Musiche originali di Francesco Rigon.

 Mercoledì 9

 Sezione Aperitivo

Ore 19:15 - Centro Storico

 “Street Poetry - Poesie di periferia in un viaggio un po…etico”

di e con Massimiliano Elia.

 Ore 21 - Largo dei Frentani

 Proiezione del Film “Colpa Nostra”.

di Giuseppe Caporale e Walter Nanni. Prodotto da CN CINEMATOGRAFICA.

Documentario sul terremoto de L’Aquila e sullo scandalo delle tangenti.

Da “Colpa nostra” ad oggi, cos’è cambiato?

 Interverrà Giusi Pitari, docente universitaria e attivista dei movimenti civici de L’Aquila.

 La serata sarà introdotta dal reading “3.32 - Tutto in quella notte ”

di Patrizia Tocci e Massimiliano Elia.

Giovedì 10

 Sezione Aperitivo

Ore 19:15 - Centro Storico

 "Bluegrass & Blues".

Alessandro Serra (Guitar Player) in “Show Acustico”.

A seguire

Diego Sartor (Banjo Player) in "A Bag Of Me".

Ore 21 - Largo dei Frentani

il Cantiere Teatrale Adriatico

presenta lo spettacolo-concerto “Pescara-Dakar, una notte per l’Africa”.

Jamafrica Crew, in concerto.

Presentazione del video del nuovo inedito “Mandela” per la regia di Walter Nanni.

Con la partecipazione di Milo Vallone.

 

Venerdi 11

Sezione Aperitivo

Ore 19:15 - Centro Storico

"La Culla Del Mediterraneo"

Miriana Faieta (voce); Pietro Pancella (contrabbasso); Massimiliano Elia (voce narrante).

Musiche tratte da ninna nanne dalle radici mediterranee.

Testi da "La Bella Addormentata" di Tahar Ben Jelloun.

Installazione scultorea di Francesco Alberico.

Ore 21 - Largo dei Frentani

BDM

Presenta

“Un altro uomo”

Incontro-spettacolo con il pentito Antonio Mancini, ex boss della Banda della Magliana, oggi uomo libero e ritrovato.

L’incontro-spettacolo di grande rilievo culturale e sociale, è una produzione ad hoc per il Festival e verrà presentato in Anteprima Nazionale e si articola sul libro “Con il sangue agli occhi” che Mancini (il cui nome di battaglia era Accattone, viste le sue biografiche caratteristiche pasoliniane) ha scritto assieme a Federica Sciarelli (conduttrice di “Chi l’ha visto?” – Rai 3) e sarà presentato dal giornalista Luca Pompei e diretto e interpretato da Milo Vallone.

L’incontro spettacolo è prodotto dal portale Bandadellamagliana.com. Un portale sulla banda della Magliana, storia senza fine del nostro paese.

Questo evento sarà trasmesso in differita su Radio Container

Sabato 12

Sezione Aperitivo

Ore 19:15 - Centro Storico

“Ventimetri Acustic Trio in concerto”

Alessandro Verzella e Riccardo di Pasquale (chitarre). Stefano La Sorda (contrabbasso).

La serata sarà introdotta da letture con estratti dal libro “ I pastori in terra d'abruzzo"

di Rossella Caldarale, Giovanni Lufino e Dino Di Pietro.

Edito da: GAL. Abruzzo Italico Alto Sangro.

Ore 21 - Largo dei Frentani

Proiezione del Film “TRANSHUMANCE” – un docufilm di Roberto Zazzara vincitore del Premio “Miglior Sceneggiatura” al Social World film festival – Presentazione in Prima Nazionale.

Domenica 13

Sezione Aperitivo

Ore 19:15 - Centro Storico

La Favola Bella di Rossella Micolitti

presenta

“Mr Gas e l’albero delle mele” di Alessandra Diodoro.

La Favola dove il piccolo spettatore diventa attore!

 Ore 21:00 - Piazza Garibaldi

 Lega Improvvisazione Firenze e Cantiere Teatrale Adriatico

Presentano

“Improzac” – spettacolo di improvvisazione con Giovanni Palanza, Campione del mondo nel 1998 per i match di improvvisazione teatrale.

Allo spettacolo parteciperanno alcuni degli allievi del workshop di Improvvisazione che si è tenuto dal 6 al 13 Settembre all’interno della sezione didattica del Festival “il Fiume e la Memoria”, curato da Mara Di Bartolomeo.