GEMELLAGGI

Città Sant’Angelo, sabato inizia Dall'Etna al Gran Sasso 2013

Fino al 28 luglio nel Centro Storico

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4295

Città Sant’Angelo, sabato inizia Dall'Etna al Gran Sasso 2013




CITTA’ SANT’ANGELO. Artigianato, gastronomia e spiritualità.
Sono le tre parole che Dall'Etna al Gran Sasso ogni anno declina secondo le culture dell'Abruzzo e della Sicilia. La formula è ormai collaudata: carretti siciliani, mostre di artigianato con la pietra lavica ospite d'onore, arancini e arrosticini, le celebrazioni in onore di Sant'Antonio di Padova. La festa infatti nasce dal gemellaggio con Nicolosi, nato nel 2001 in seguito all'incontro religioso a Padova delle due Confraternite cittadine dedicate al Santo. Quest’anno i giorni più importanti dedicati ai festeggiamenti in onore di Sant'Antonio di Padova e dell’amicizia con la Trinacria, dal 20 al 28 luglio, coincidono con la Giornata Mondiale della Gioventù in programma a Rio dal 23 al 28. Anche per questo motivo, su invito del vescovo Tommaso Valentinetti e per volontà del parroco della Collegiata Don Michele Lentini, le spoglie del Beato Nunzio Sulprizio saranno traslate nella Collegiata di San Michele Arcangelo. I devoti avranno così una ragione in più per raggiungere Città Sant'Angelo.
Venerdì mattina l'appuntamento è stato presentato alla stampa, nella sala Figlia di Jorio della Provincia di Pescara: «ogni anno Dall'Etna al Gran Sasso si ripete» ha esordito il sindaco Gabriele Florindi «offrendo anche qualcosa di nuovo».
Dal lato della spirituralità, al Beato Nunzio si affiancherà il collegamento di sabato sera con papa Francesco in Brasile, al campo sportivo. Dall'Etna al Gran Sasso è anche l'occasione di riscoprire e recuperare angoli del Centro Storico: l'associazione Ruva organizza un dopo festa, fino all'una di notte, sulle terrazze che circondano il Giardino delle Clarisse (in paese vengono chiamate "lu cascione"), altra location recuperata alla festa è il palazzo baronale; novità in piazza Iv novembre, dove ogni sera si esibisce una scuola di ballo diversa. Novità gastronomica, la Pizza Siciliana: una sorta di un calzone fritto ripieno di formaggio e acciughe. Antonio Borzì, assessore al gemellaggio del Comune di Nicolosi, ha ricordato la storia dell'incontro tra le due comunità: «il gemellaggio ha delle basi solide perché non si basa più su rapporti istituzionali, ma su rapporti di vera amicizia». 


«Questa manifestazione» ha ricordato ancora il sindaco angolano «è a costo zero per l'ente pubblico, grazie all'aiuto degli sponsor. Gli unici soldi pubblici sono quelli della Regione Abruzzo, che colgo l'occasione per ringraziare». Il ricco programma prevede cortei folkloristici della tradizione delle due regioni, mostre degli artigianati artistici e dei prodotti tipici, angoli del gusto. La festa vera e propria entrerà nel vivo con l’arrivo dell'urna del Beato in Largo Baiocchi, sabato 20 alle ore 18.00, mentre i carretti siciliani sfileranno nel Centro Storico dalle 19.30. Per la prima volta saranno accompagnati anche da due carri abruzzesi, trainati da buoi: un modo in più per sottolineare l'incontro tra le due culture.
L'appuntamento con la solenne processione del Simulacro e della Reliquia di Sant'Antonio di Padova, e dell'urna con il corpo del Beato Nunzio Sulprizio, è domenica 21 luglio, ore 19.30. Giovane operaio vissuto nell’ottocento, Nunzio Sulprizio è diventato Beato il primo dicembre 1963 per volontà di Papa Paolo VI, durante il concilio Vaticano secondo. Nel programma civile della manifestazione, le prime due serate saranno all'insegna della musica: al Giardino delle Clarisse sabato il folk de "I Porto Flamingo" (20 luglio, ore 21), domenica pizzica e taranta de "I Lingatere" (21 luglio, ore 21.30).