SPETTACOLO

Cantieri dell’Immaginario: 26 spettacoli nel cuore de L’Aquila

Ieri presentazione ufficiale con il ministro Bray

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2484

Cantieri dell’Immaginario: 26 spettacoli nel cuore de L’Aquila





L’AQUILA. Con la visita a L’Aquila del Ministro dei Beni Culturali e del Turismo, Massimo Bray, presente ieri mattina alla conferenza stampa a Palazzetto dei Nobili, si alza ufficialmente il sipario sulla seconda edizione de “I cantieri dell’Immaginario”.

La kermesse, coordinata dal Comune dell’Aquila, vede la partecipazione di nove istituzioni culturali aderenti al Fondo Unico dello Spettacolo (FUS), Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli”, Solisti Aquilani, Istituzione Sinfonica Abruzzese, Gruppo E-Motion, Teatro Stabile d’Abruzzo, L’Uovo Teatro Stabile di Innovazione, Teatro Zeta, Associazione Arti e Spettacolo e Associazione Teatrale Abruzzese Molisana
Anche quest’anno la kermesse si avvale dell’impegno diretto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della collaborazione della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Abruzzo.


Ventisei gli eventi completamente gratuiti in programma, da ieri e fino al 13 agosto, che animeranno le piazze e alcuni luoghi simbolo del centro storico, in parte ancora chiuso, con l’obiettivo di riportare la vita e ripopolare il cuore ferito della città. A questo obiettivo contribuiranno 280 artisti nazionali ed internazionali, alcuni dei quali impegnati anche in alcuni laboratori teatrali e di danza, tra la coreografa Flavia Tapias, Giorgio Barberio Corsetti, attore e regista teatrale, Nikolay Karpov capo del Dipartimento di Movimento Scenico del GITIS di Mosca, presenti in conferenza stampa. Insieme a loro anche Lorenzo Cinatti, Sovrintendente della Fondazione Scuola di Musica di Fiesole O.N.L.U.S. protagonista del primo evento in programma stasera. A Piazza Santa Margherita (detta dei Gesuiti) alle 21,30 si terrà infatti il concerto dell’Orchestra Giovanile Italiana (Scuola di Musica di Fiesole) e Sándor Végh Institute Chamber Orchestra, a cura della Società Aquilana dei Concerti Barattelli. L’ultimo spettacolo è fissato il 13 agosto alle 21,30 con “L’incantesimo di Nino Rota”, de I Solisti Aquilani.
«La cultura non è un analgesico spirituale – ha commentato il Ministro Bray nel corso del suo intervento- al contrario deve rappresentare una forma di riscatto, deve essere concepita come il presupposto per ricostruire una prospettiva di vita, per dare un futuro agli aquilani. Le diverse forme di arte, ben condensate ne I Cantieri dell’Immaginario, devono servire a ricostruire il senso di una comunità, parola su cui insisto molto. Per questo credo che tali iniziative possano essere prese a modello per altre. Noi del Ministero saremo sempre presenti nella ricostruzione dei luoghi di cultura di questa città- ha concluso il Ministro- ma chiediamo che questo piano proceda di pari passo con la ricostruzione delle case e dei luoghi, definendo tempi e risorse puntuali».


«Il mondo della cultura è quello che ha reagito per primo di fronte al disastro che ci siamo trovati davanti- ha aggiunto il Sindaco Massimo Cialente, - La cultura è sempre stata per L’Aquila un asse portante e lo dimostra la domanda incessante dei luoghi dove fare eventi. Per questo credo che I cantieri dell’Immaginario debbano trasformarsi in un appuntamento fisso».
A sottolineare la coralità del progetto la senatrice Stefania Pezzopane: «Mettere insieme un progetto in grado di rompere gli schemi, proponendo un’idea nuova che avesse legami forti con le radici culturali di questa città è stata una sfida forte. Ci abbiamo creduto e abbiamo vinto, grazie anche al sostegno del Ministero. Un progetto cardine per la sfida legata all’Aquila capitale europea della cultura 2019».

I NUMERI DEI CANTIERI DELL’IMMAGINARIO
9 gli Enti organizzatori
26 gli spettacoli proposti in cartellone
102 giorni di laboratorio di teatro, danza e musica
2 i luoghi della storia
6 le piazze
2 i luoghi dello spettacolo
280 e oltre gli artisti impegnati nel progetto singolarmente, in gruppo, in orchestra, in ensemble e gli allievi dei laboratori e del Conservatorio.

I LUOGHI
Piazza San Silvestro, Piazza del Teatro, Piazza Angioina, Piazza San Domenico, Piazza San Pietro e Piazza Santa Margherita detta dei Gesuiti, piazzale antistante il nuovo Auditorium