CINEMA

David di Donatello, l’aquilano Palmerini ce la fa

Premiato come fonico per il film Diaz

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1026

David di Donatello, l’aquilano Palmerini ce la fa





L’AQUILA. L’aquilano Alessandro Palmerini ha vinto il prestigiosissimo Premio David di Donatello (l’Oscar italiano), come fonico di presa diretta del film “Diaz”.
Alessandro Palmerini 36 anni a L’Aquila, dove si è formato presso l’Accademia dell’Immagine. Partner di grandi professionisti del settore, ha lavorato in Italia e all’estero in numerose produzioni cinematografiche, per il grande schermo e per la Tv. Nel 2008 ha vinto il primo Ciak d’oro per il Miglior sonoro in presa diretta con il film “La ragazza del lago” di Andrea Molaioli. Nello stesso anno gli è stato tributato il Premio Aits per il film Tv “Maria Montessori” di Gianluca Tavarelli. Con il film “Diaz” Alessandro Palmerini ha già vinto nel 2012 il Ciak d’oro e il Nastro d’Argento.
«Questo successo – ha commentato il primo cittadino Massimo Cialente – fa seguito ad altri, fra i quali quello che ebbe per il bellissimo film ‘La ragazza del lago’. Come sindaco dell’Aquila la soddisfazione è ancora maggiore perché Alessandro Palmerini si è formato e cresciuto professionalmente nell’Accademia dell’Immagine della nostra città. Insieme ad altri suoi colleghi di studio, protagonisti nei ‘mestieri’ del cinema, testimonia ancora una volta la tradizione culturale di alta formazione che appartiene all’Aquila».
«Colgo l’occasione – ha proseguito il SIndaco – per lanciare l’ennesimo appello alla Regione e in particolare al Presidente Gianni Chiodi affinché venga nominato al più presto il nuovo consiglio di amministrazione dell’Accademia Internazionale per le Arti e le Scienze dell’Immagine. Sono mesi e mesi che sollecito questa nomina e la nostra prestigiosa struttura viene colpevolmente abbandonata a se stessa, quando, seppure devastata dal sisma, attualmente ha ancora tutte le potenzialità per ripartire e tornare ad essere una delle più importanti scuole di cinema italiane»