LIBERAZIONE

25 aprile abruzzese: spettacolo in ricordo della Brigata Maiella

La Compagnia dei Guasconi presenta uno spettacolo all’Auditorium De Cecco

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2744

25 aprile abruzzese: spettacolo in ricordo della Brigata Maiella
PESCARA. Combatterono a lungo, anche dopo la liberazione dall’oppressione fascista spingendosi fino al Veneto, in nome della libertà.

I personaggi della brigata Maiella gruppo partigiano abruzzese rivivranno nello spettacolo teatrale della compagnia dei Guasconi dal titolo: “Banditen. I partigiani che salvarono l’Italia” che si terrà il 25 aprile all’Auditorium De Cecco in Piazza Unione, a Pescara. Lo spettacolo organizzato da Anpi Pescara, in collaborazione con il Consiglio regionale dell'Abruzzo, avrà luogo alle ore 18.00.
«L'obiettivo dello spettacolo che abbiamo creato», ha spiegato il regista Nicola Pitucci, «è quello di tramandare una storia straordinaria contenente valori importantissimi che oggi assumono un peso enorme. Cerchiamo in questo modo di mantenere vivo l'interesse verso la nostra terra e, più in generale, verso tutta l'Italia».
E infatti la rappresentazione racconta una storia vera, accaduta a cavallo della seconda guerra mondiale. La Brigata Maiella, formazione partigiana abruzzese che nacque il 5 dicembre del 1943 si sciolse solo alla fine delle ostilità dopo aver collaborato alla liberazione dell'Italia dall'occupazione nazifascista. La Brigata fu l'unica formazione partigiana a ricevere la medaglia d'oro al valore militare e l'unica a continuare a combattere anche dopo la liberazione del proprio territorio di appartenenza. Terminata la guerra in Abruzzo lottò al fianco degli Alleati nelle Marche, nell'Emilia Romagna e si spinse poi fino in Veneto per liberare Asiago.
Anche il presidente del Consiglio regionale d’Abruzzo Nazario Pagano ha speso parole di entusiasmo per l’iniziativa. «Abbiamo pensato di ricordare agli abruzzesi il 25 aprile», ha detto, «il giorno dedicato all'unione della nostra Nazione, con un’idea innovativa: uno spettacolo teatrale che narra le gesta della Brigata Maiella che per noi rappresenta un simbolo straordinario di libertà, di coraggio tipico del popolo abruzzese. Giovani di estrazione sociale differente, di idee politiche differenti si sono sentiti in dovere di combattere per la libertà, di scacciare l'oppressione nazista e tedesca e di lottare per liberare le nostre città».