MUSICA

Francavilla, Centro di ricerche Alessandro Cicognini: un anno di bilancio

L’attività di divulgazione in un anno. Previste collaborazioni ed un libro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3512

Francavilla, Centro di ricerche Alessandro Cicognini: un anno di bilancio
FRANCAVILLA AL MARE. Ad un anno di vita il Cresnac “Centro Ricerche e Studi Nazionale Alessandro Cicognini” tira le somme della sua attività.


Il Centro nato nel 2011 in occasione del 105° anniversario della nascita del Maestro Cicognini vuole divulgare le opere del grande compositore francavillese. Quest’anno, è stata la sede dell’anticipazione della seconda edizione del Festival dedicato a Cicognini tenutasi lo scorso agosto con la partecipazione dell’attore e regista Michele Placido.
Poi il Cresnac ha dato vita a vari appuntamenti nella seconda edizione della rassegna toccando tute e quattro le province abruzzesi. Tra gli obiettivi in cantiere fa sapere il direttore Davide Cavuti, la pubblicazione di un libro frutto del lavoro di alcuni ricercatori, e dello studioso francavillese Paolo Di Cesare, collaborazioni con attori e registi di chiara fama come Giorgio Albertazzi, Ugo Pagliai, Edoardo Siravo, il compositore Umberto Scipione, autore della colonna sonora di “Benvenuti al Nord”, il compositore Paolo Di Sabatino, il bassista romano Marco Siniscalco e il sassofonista argentino Javier Girotto, Flavio Pistilli, direttore della scuola Faremusika, il chitarrista Franco Finucci, direttore dell’Associazione Blue Note e il fotografo e editore romano Pietro Nissi.
Alessandro Cicognini visse nella «sua amata Francavilla» fino agli anni settanta da dove poi si ritirò definitivamente a Roma fino alla sua morte (9 novembre 1995). E’stato autore delle musiche di 106 film e di pellicole cult premiate con l'Oscar, come Sciuscià diretto da Vittorio De Sica.
Il successo internazionale del film rafforza la notorietà di Alessandro Cicognini e lo stesso De Sica gli chiede di realizzare la colonna sonora di Ladri di biciclette , per la quale nel 1949 gli verrà conferito il Nastro d'argento.