George Clooney torna a Sulmona, ciak si rigira

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4280



SULMONA. George Clooney è tornato questa mattina a Sulmona per girare alcune riprese del film 'L'americano'.
Scene di caos che Sulmona conosce bene perchè ci è già passata otto mesi fa quando si è trasformata per alcuni giorni nel set del film della star americana.
Da questa mattina, infatti, la troupe cinematografica del film che ha scelto l'Abruzzo come location per rilanciare l'immagine della regione dopo il sisma del 6 aprile, ha bloccato l'ingresso a Corso Ovidio creando non pochi problemi alla circolazione.
Il ritorno a Sulmona si è reso necessario dopo che il regista Anton Corbijn ha deciso di girare di nuovo alcune scene che non gli sono piaciute.
Non una novità dal momento che nelle scorse settimane anche altre scene, girate negli Stati Uniti, sono state registrate nuovamente perchè nel momento del montaggio non avevano soddisfatto pienamente il regista.
Una situazione anomala se si calcola che il trailer ufficiale del film è già stato presentato ma il film sarà al cinema solo dal 1° ottobre prossimo, ad un anno esatto dal primo ciak abruzzese.
George Clooney resterà a Sulmona solo per la giornata di oggi per trasferirsi domani e dopodomani insieme a tutta la troupe a Castel del Monte e a Castelvecchio Calvisio anche lì per la ripresa di altre scene del film.
Con Clooney non c'era Elisabetta Canalis che ha approfittato dell'impegno del suo fidanzato per volare in Sardegna dai suoi familiari.
La storia del film è incentrata sulle peripezie di un killer (Clooney) che, per sfuggire alla cattura, trova rifugio nel piccolo paradiso di una provincia rurale dell'Italia.
Deve ancora portare a termine un ultimo incarico, ma durante il suo soggiorno italiano, Jack farà amicizia con il prete locale e con una donna (Violante Placido), della quale si innamorerà.
Non passerà troppo tempo prima che Jack si accorga di avere qualcuno che lo sta seguendo.
Probabilmente i suoi nuovi legami amorosi, potrebbero essere di intralcio per il suo lavoro.
21/06/2010 14.40