Cineramnia, al via due giorni di provini

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4219




TERAMO. Anche quest'anno Cineramnia riparte con la ricerca di “attori per caso” che, per la prima volta, parteciperanno ai provini in 3D che si svolgeranno dal 28 al 30 maggio presso il Museo archeologico.
Tutti i partecipanti riceveranno un paio di occhiali per il 3D con cui potranno rivedersi sul sito cineramnia.it, dove verranno caricati a rotazione tutti i provini, in cui, come sempre, dovranno dare il meglio di sé, raccontandosi, ma anche tentando di recitare delle scene tratte dai film più famosi del cinema italiano.
Il 3D è la novità che rappresenta il filo conduttore della sesta edizione, tutta dedicata al cinema digitale e stereoscopico.
Una scommessa che il Cineforum Teramo affronta con l'entusiasmo di sempre e la certezza del sostegno di due partner di prestigio che hanno scelto di credere nella manifestazione: la “Nuct - Scuola internazionale di cinema e televisione”, tra le più
prestigiose realtà formative di alta specializzazione nel settore cinematografico e “AV Magazine”, rivista on line di punta nel settore audiovisivo.
Il festival si terrà dal 19 al 31 luglio: come sempre la città verrà trasformata in un set durante le due settimane della manifestazione, ma ci sarà un'unica location (il parco del vezzola) e un unico cortometraggio realizzato da professionisti del mondo del cinema che naturalmente si serviranno degli attori scelti a Teramo durante i provini. La grande novità è che il corto verrà girato in 3D e sarà anche il fulcro di numerose attività formative sul tema del digitale.
Il corto girato a Teramo sarà proiettato a chiusura della manifestazione.
Lo straordinario successo de “L'Uomo fiammifero” ha spinto inoltre lo staff ha dedicare una sezione del Festival al cinema digitale indipendente italiano, andando alla ricerca di altre produzioni a basso costo e ancora prive di canali distributivi ma ricche di elementi interessanti e degne di essere apprezzate anche dal grande pubblico.
Ci sarà una giuria tecnica, formata da esperti, critici, tecnici e professionisti del settore che premierà il miglior film indipendente italiano.
Il vincitore del concorso Digitale Indipendente riceverà una copia gratuita del proprio film in formato DCP del valore di 8 mila euro e la distribuzione nelle sale convenzionate con il festival e con SocialDistribution.org.
Il Festival si compone anche di altre sezioni: sezione lungometraggi 3D, sezione corti 3D e Trailer 3D.
Tutti i film e i cortometraggi in concorso saranno proiettati in contemporanea in numerose e selezionate sale digitali italiane e di concerto con i principali distributori italiani.
A Teramo una giuria tecnica composta da critici, stereografi e professionisti valuterà le opere migliori.
Ci sarà anche una giuria di ragazzi delle scuole medie e superiori che assegnerà un premio speciale al miglior film in 3D.

24/05/2010 11.02