Consegnati gli Esposimetri d’Oro: premio anche agli stuntman

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7967



TERAMO. La cerimonia di premiazione di sabato sera al Cineteatro Comunale di Teramo ha chiuso in maniera degna la 14^ edizione del Premio Internazionale per la Fotografia Cinematografica “Gianni Di Venanzo”.
La serata condotta da Antonella Salvucci, per la regia di Gianfranco Manetta, è stata come una vera e propria festa del Cinema, grazie alla presenza di quelli che il cinema lo realizzano in prima persona: registi, direttori della fotografia, attori.
Il Premio Di Venanzo, nato grazie alla associazione culturale Teramo Nostra, celebra una categoria di professionisti, quella dei direttori della fotografia, che solo ultimamente in Italia raccoglie la giusta considerazione proprio grazie alla manifestazione teramana che resta unica nel suo genere.
Sabato scorso sono stati consegnati gli Esposimetri d'Oro ai direttori della fotografia selezionati quest'anno dalla Giuria: da Stoccolma è giunto a Teramo Hoyte Van Hoytema per ritirare l'Esposimetro d'Oro vinto per la migliore fotografia straniera del film Lasciami entrare; un'entusiasta Daniele Ciprì (già famoso insieme a Franco Maresco soprattutto per Cinico Tv) ha ritirato l'Esposimetro d'Oro per la migliore fotografia italiana del film Vincere di Marco Bellocchio; ad Alfio Contini è stato consegnato l'Esposimetro d'Oro alla carriera. “Per fare una bella fotografia in un film ci vogliono grandi registi”, ha sentenziato Contini. L'Esposimetro d'Oro alla memoria è stato assegnato ad Henry Alekan.
Un premio speciale “Opera Prima” è stato consegnato a Enzo Carpineta per la fotografia del film Pa-ra-da di Marco Pontecorvo, anche lui presente alla cerimonia.
La targa per la fotografia di una fiction televisiva è andata a Giovanni Cavallini per Mal'aria, presenti alla serata due degli interpreti, Manuela Morabito e Giorgio Biavati.
Ha partecipato alla cerimonia di premiazione anche Liliana Cavani, la regista di Il portiere di notte, La pelle, Francesco, solo per citare alcuni grandi successi di critica e di pubblico. Il presidente di Teramo Nostra, Piero Chiarini, ha premiato la Cavani con una targa speciale ed ha ufficializzato l'accordo raggiunto tra il Premio Di Venanzo e la Cineteca Nazionale per la ristampa del film Il portiere di notte.
La manifestazione teramana quest'anno ha portato alla ribalta un'altra categoria di lavoratori del settore rimasta sempre nell'ombra: gli stuntman, le cosiddette controfigure degli attori nelle scene acrobatiche o pericolose, soprattutto nei film d'azione.
Fernanda Dall'Acqua, controfigura tra le più note in Italia, ha ringraziato gli organizzatori: «In 40 anni di attività non avevamo mai ricevuto un premio come categoria: questo riconoscimento per noi è come un Oscar!»

E' stata salutata con entusiasmo anche la madrina della 14^ edizione del Premio Di Venanzo, l'attrice Loredana Cannata. Hanno portato la loro testimonianza anche i registi Alessandro D'Alatri e Ruggero Deodato.

Nella giornata di domenica 15 novembre il Premio Di Venanzo ha consumato altri due appuntamenti. I direttori della fotografia presenti a Teramo si sono recati in mattinata a Pietracamela per iniziare le riprese per il documentario che è dedicato proprio al paese montano teramano.
Nel pomeriggio di domenica nella Sala Polifunzionale della Provincia si è tenuto un concerto omaggio a Vittorio De Sica nel 35° anniversario della scomparsa del grande regista-attore italiano. Ha partecipato il figlio Manuel De Sica. L'iniziativa è stata organizzata grazie alla collaborazione tra l'Orchestra da Camera “Benedetto Marcello” e il Premio Di Venanzo. Sono state eseguite musiche del maestro Manuel De Sica, che ha preso accordi con i responsabili di Teramo Nostra, per prendere parte al Premio nella prossima edizione.
Al termine del concerto è stato proiettato il film Ladri di biciclette di Vittorio De Sica.

17/11/2009 9.02