Pescara Jazz, l’omaggio di George Benson a Nat King Cole

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

9134

PESCARA. Sabato 18 luglio, alle 21.15, George Benson sarà il protagonista della seconda serata della trentasettesima edizione del Festival Internazionale Pescara Jazz. Un sestetto, un coro, un'orchestra sinfonica, uno straordinario solista: tutto questo per rendere omaggio a uno dei più grandi musicisti del ventesimo secolo, Nat King Cole. Cantante, pianista e chitarrista, Cole è stato un maestro di eleganza e raffinatezza: Benson ne ripercorre il repertorio e si affida a una formazione ampia e composita, pronta a seguire le intenzioni del leader e il percorso logico dell'omaggio.
Il chitarrista sarà il vero e proprio mattatore di An unforgettable tribute, questo il titolo dato alla serata. Durante il concerto si alterneranno momenti intimi, affidati alla formazione ristretta, e passaggi allargati all'intera orchestra e al coro: una scelta sicuramente intrigante e particolare, necessaria per dare ritmo e varietà all'esibizione, per valorizzare al meglio i brani resi celebri da Nat King Cole e le potenzialità di tutti musicisti coinvolti.
George Benson ha cominciato la propria carriera musicale suonando come chitarrista nella formazione jazz dell'organista Jack McDuff, per incidere poi, all'età di 21 anni, il suo primo album, The New Boss Guitar: da subito il chitarrista ha messo in luce il proprio talento nella costruzione di linee melodiche ricche di swing e bebop. La collaborazione con Miles Davis e poi ancora con Herbie Hancock e Jimmy Smith lo porta alla ribalta del jazz mondiale. Benson è diventato un cantante e compositore di successo anche per il pubblico della musica pop grazie a successi come Give Me The Night, This Masquerade, The greatest love of all e On Broadway, oltre ad essere ricordato per la sua caratteristica abilità nel doppiare con la voce gli assoli che esegue sulla chitarra. Benson è ospite per la prima volta del Pescara Jazz Festival.
Il concerto di George Benson è una produzione del festival, originale per l'Italia. In particolare, come ha sottolineato Lucio Fumo in conferenza stampa, "pur non essendoci Jazz in Città non mancano di certo i musicisti nostrani in questa edizione del festival." Il sestetto di George Benson sarà accompagnato, in questa e nelle altre due esibizioni in programma ad Umbria Jazz e a Veneto Jazz, dall'Orchestra Sinfonica di Pescara e dal coro selezionato dalla cantante pescarese Diana Torto.
17/07/2009 12.11