Musicisti per l’Abruzzo, 2 milioni raccolti a Roma e Milano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2388


MILANO. Ad aprire il concerto Amiche per l'Abruzzo, allo stadio San Siro di Milano, è stata ieri pomeriggio Antonella Ruggiero, con Ave Maria di Fabrizio De André.
Al mega evento di solidarietà organizzato da Laura Pausini hanno partecipato 35 mila persone, secondo gli organizzatori.
I fondi raccolti andranno a favore della ricostruzione della scuola Edmondo De Amicis dell'Aquila e, in parte, saranno destinati all'acquisto di casette in legno e per il sostegno in generale alla popolazione colpita dal terremoto.
L'obiettivo del milione di euro da raccogliere per destinarlo a due progetti di ricostruzione dell'Abruzzo è stato «ampiamente superato»: ha affermato Roberto De Luca, organizzatore del concerto.
I biglietti venduti alle 19 infatti sarebbero 55 mila «con ancora gente alle casse con oltre 1,5 milioni di euro incassati».
«Oggi ho già pianto sei-sette volte di gioia - ha ammesso ieri Laura Pausini-. Sono già stata più volte a San Siro ma oggi, i miei fan mi perdoneranno, sono ancor più felice e gasata».
La cantante ha spiegato di non aspettarsi «tanto pubblico fin dal primo pomeriggio» e di aver avuto «anche un po' di paura dopo aver sentito che il concerto di sabato sera a Roma non era così pieno». A fianco a lei c'erano un gruppo di alunni della elementare De Amicis dell'Aquila, arrivati con i pullman messi a disposizione dal Milan e dall'Inter, e il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini che ha parlato di «un luogo comune sfatato, cioé che le donne non fanno squadra e non si aiutano», oltre a prendere atto della mancata presenza della Rai tra le radio che trasmettono in diretta l'evento. «Spiace constatare che la Rai non abbia aderito - ha affermato -. Credo che il servizio pubblico avesse questo dovere ma forse è mancato il dialogo o c'é stato un disguido organizzativo. Ma - ha concluso - è un'occasione persa».
Sabato sera è stato invece Pino Daniele la prima star a salire in scena in “Corale per l'Abruzzo”, la maratona musicale che ha visto allo stadio Olimpico di Roma una sorta di stati generali della musica italiana riuniti per raccogliere fondi per l'Abruzzo.
450 mila gli euro raccolti e presenza di pubblico al di sotto delle aspettative.
Ad aprire la serata Serena Dandini, che ha condotto insieme a Giorgio Panariello.



Prima di Pino Daniele, un doveroso omaggio all'orchestra dell'Abruzzo che ha eseguito Marcia 99 di Prokofiev. Tra gli artisti Mario Biondi, Claudio Baglioni, Gianni Morandi, Renato Zero, Fiorella Mannoia, Gigi D'Alessio, Gino Paoli, Giuliano Sangiorgi e Mauro Pagani , Ennio Morricone, Armando Trovajoli e Nicola Pagani.
L'Olimpico si è scaldato con la straordinaria interpretazione di "Roma nun fa la stupida stasera" interpretata a tre da Zero, Christian De Sica e Sabrina Ferilli, accompagnato al pianoforte dallo stesso autore, il maestro Trovajoli.
Dopo una rapida apparizione di Giuliano Sangiorgi con Mauro Pagani, sul palco romano è intervenuto il Magnifico Rettore dell'Università di L'Aquila Ferdinando Di Iorio: tutti gli introiti della serata, infatti, saranno devoluti all'Ateneo aquilano ed il Rettore stesso si è fatto garante del corretto e trasparente impiego di questi fondi .



Il grande concerto si è concluso con una vera e propria "Corale" di tutti gli artisti impegnati in una spontanea quanto improvvisata interpretazione di "Domani 21.04.2009", la canzone già incisa da 56 cantanti italiani per raccogliere fondi in favore dei terremotati dell'Abruzzo.



«Abbiamo visto che la solidarietà degli italiani non si ferma alle parole o ai sentimenti ma va oltre», ha detto il presidente Chiodi.
«I nomi di spicco non riguardano solo il cast artistico, ma anche la conduzione, la scenografia e la regia della serata. In tanti hanno collaborato alla realizzazione del concerto-evento a titolo gratuito per devolvere l'incasso in favore di questo lembo di Abruzzo colpito».
«Dal 6 aprile - ha concluso il presidente - l'Italia è stata una grande famiglia colpita da un grave lutto collettivo. La vita, però si riaccende con la voglia di tornare alla normalità. Grazie per tanta generosità a nome di tutti gli abruzzesi».
22/06/2009 11.10