Arrivano i comici: 100% per l'Abruzzo, ricavato a Fagnano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2734


ROMA. "Ricominciare sarà dura...un po' meno insieme a voi". Si chiude con questa frase il filmato di “100% per l'Abruzzo. Gran Galà della comicita", lo spettacolo che si terrà il 29 maggio alle 21.00 al teatro Olimpico di Roma.
Max Giusti, Maurizio Battista, Lillo e Greg, Dario Vergassola, Marco Marzocca, Stefano Sarcinelli, Andrea Perroni, Dado, Alessandro Di Carlo, Stefano Fabrizi, Antonio Covatta, Gabriella Germani e Marco Capretti sono i comici che si esibiranno nella serata presentata da Massimo Caputi e Marco Mazzocchi.
La loro partecipazione è interamente gratuita e l'intero ricavato (tolto IVA e DOR) verrà offerto al sindaco di Fagnano, Mauro Fattore, per ricostruire il paese.
«L'idea di fare qualcosa per gli abruzzesi in difficoltà ci é venuta mentre guardavamo i funerali delle vittime - ha spiegato alla presentazione dell'iniziativa Andrea Bianco, ideatore con Max Giusti dello spettacolo -. Abbiamo deciso di destinare tutto al comune di Fagnano, un piccolo centro che nessuno ha mai nominato, colpito dal sisma».
«Abbiamo divulgato l'idea di '100% per l'Abruzzò durante la trasmissione di 'Quelli che il calcio' - ha raccontato Giusti -. Hanno tutti aderito subito».
Le proposte dei comici di '100% per l'Abruzzò non si fermano allo spettacolo del 29 maggio.
«Potremmo dare anche qualche oggetto per far compagnia alle persona che ora vivono nelle tendopoli - ha proposto Germani - come una radio o un libro».
Giusti, dal canto suo, ha detto:« dato che allo spettacolo verrà un autobus di abitanti di Fagnano, potremmo progettare di portare '100% per l'Abruzzò in paese per tutti gli altri».
Fagnano conta 450 abitanti e, al momento, «il 60% delle abitazione è stata dichiarata inagibile - ha detto il sindaco Fattore -. Con i fondi dello spettacolo offriremo innanzitutto una situazione più confortevole agli anziani che vivono nelle tende. Ne sono 25 e hanno età compresa dai 75 ai 92 anni».
Ad oggi sono stati venduti biglietti per «un totale di 19.800 euro - ha detto Bianco -. Il 10% dovrebbe essere destinato alla Siae, ma stiamo cercando di convincere i vertici a rinunciarci per devolverlo a Fagnano. La Siae dovrebbe capire che tutti noi, incluso gli attori, abbiamo rinunciato ad un proprio guadagno per aiutare gli abitanti colpiti dal sisma».

27/05/2009 16.02