Il Wwf domani celebra la Giornata Europea dei Parchi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2278

Il Wwf domani celebra la Giornata Europea dei Parchi


ABRUZZO. Domani si celebra la Giornata Europea dei Parchi, cent'anni dopo il 24 maggio 1909 quando in Svezia è nato il primo parco d'Europa. Il WWF è da sempre impegnato nella difesa e nella gestione delle aree protette. Attualmente il WWF gestisce 130 oasi, dando a loro un grande significato di “presidio” contro le aggressioni del cemento a garanzia delle generazioni future. Questo anche perché le oasi permettono la messa in sicurezza da calamità naturali e rischi come quelle idrogeologiche ed incendi.
Per festeggiare la Giornata dei Parchi, il WWF in Abruzzo apre le porte delle sue oasi ai cittadini aquilani colpiti dal sisma del sei aprile scorso. Domani le oasi abruzzesi ospiteranno, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, i ragazzi presenti nelle tendopoli di L'Aquila. Circa 150 visitatori che effettueranno un itinerario comprendente l'Oasi Gole del Sagittario, sita ad Anversa degli Abruzzi, l'Oasi dei Calanchi d'Atri a Teramo e l'Oasi delle Sorgenti del Pescara a Popoli.
Tutta la giornata sarà caratterizzata da escursioni nelle aree protette ma anche nei borghi vicini. Previste per i ragazzi anche attività e giochi.
La Giornata Europea dei Parchi pone all'attenzione di tutti la situazione dei parchi abruzzesi. In Italia le oasi rappresentano l'11% del territorio nazionale. Malgrado una buona difesa e valorizzazione delle aree protette, a detta del WWF, bisogna fare ancora molto per migliorare la loro gestione. I parchi oggi sono molto importanti per la biodiversità, visti i rischi legati alla caccia, ai cambiamenti climatici ed al consumo del territorio.
«Questa domenica» – sottolinea il Consigliere nazionale del WWF, Dante Caserta – «è un'altra iniziativa del WWF per l'emergenza in Abruzzo. Tra queste merita di essere segnalata la presenza all'Oasi WWF del Lago di Penne degli studenti e insegnanti del Corso di Laurea in Scienze Ambientali dell'Università di L'Aquila. Lì i ragazzi stanno completando il loro percorso di studi a seguito di un accordo tra l'ateneo aquilano, regione Abruzzo, Legacoop ed il WWF. Le lezioni procedono in maniera spedita ed è stato organizzato anche un ricco calendario di incontri, escursioni e seminari».

23/05/2009 12.16