Gran Finale domani con Ela Weber a "Ruote e Motori Show"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3466




LANCIANO. Un pubblico numeroso e incuriosito dalle evoluzioni acrobatiche e dalle auto esposte, ha affollato i padiglioni e l'area esterna di Lancianofiera.
“Ruote e Motori show” è già un successo e domani la rassegna si conclude con l'attesissima presenza della bionda e bella Ela Weber, madrina della manifestazione. Il binomio “donne e motori” ha sempre portato fortuna al Salone nazionale dell'auto e motociclo che in tutte le edizioni ha ospitato superbe bellezze.
Quest'anno tocca alla tedesca Ela, come ha deciso di farsi chiamare rinunciando al nome da ragazzina Manuela Hannelo Weber.
Lo spettacolo in pista è un'altra attrattiva della rassegna motoristica che sta riscuotendo enorme successo con i numerosi piloti e le avvincenti esibizioni degli stuntman. Ammiratissima la Yamaha di Valentino Rossi, vincitore del motomondiale 2008.
«Stiamo registrando uno straordinario afflusso di visitatori» dice soddisfatto il presidente di Lancianofiera Donato Di Fonzo, «la fiducia che gli operatori, in questo particolare e critico momento, hanno riposto in questa rassegna non è stata delusa, anzi la risposta dei molti visitatori è positiva. Ruote e Motori è soprattutto vetrina delle ultime novità di settore e gli appassionati non rinunciano a scoprirle». Apprezzata la riflessione su “Alcol, droga e guida sicura”, organizzata dall'International Police Association. Numerosi gli esperti, tra cui Giuseppe Bellellli, sostituto procuratore di Pescara, il quale ai numerosi studenti ha sottolineato «la necessità del rispetto delle regole, che non vanno osservate solo per i timore delle sanzioni, ma comprese nell'interesse di tutti. I processi e le sanzioni arrivano dopo quale conseguenza della violazione delle stesse regole. E' dunque necessaria la prevenzione e un cambio culturale».
Per il direttore Ciro Pasquini «la fase dedicata all'indagine e al confronto con l'approfondimento di temi di grande attualità e rilevanza sociale ha sempre rappresentato il nostro fiore all'occhiello».

28/02/2009 16.38