In via delle Caserme arriva Mario Venuti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3838

PESCARA. Mario Venuti torna in Abruzzo ed è pronto per esibirsi, venerdì alle 21.30, a Pescara, in via delle Caserme. L'ingresso è gratuito. Il concerto rientra nell'ambito delle iniziative volute dall'associazione "Via Delle Caserme" per destagionalizzare l'offerta turistica, offrendo performance in versione semi-acustica. LE CONTESTAZIONI DI VERì (PDL)

PESCARA. Mario Venuti torna in Abruzzo ed è pronto per esibirsi, venerdì alle 21.30, a Pescara, in via delle Caserme. L'ingresso è gratuito. Il concerto rientra nell'ambito delle iniziative volute dall'associazione "Via Delle Caserme" per destagionalizzare l'offerta turistica, offrendo performance in versione semi-acustica.

LE CONTESTAZIONI DI VERì (PDL)
L'artista siciliano proporrà i suoi principali successi insieme alle canzoni contenute nel suo ultimo album, "L'officina del fantastico", uscito all'indomani della partecipazione al 58esimo Festival di Sanremo con il brano "A ferro e fuoco".
L'esperienza di Mario Venuti all'ultimo Sanremo è stata positiva: il cantante ha detto senza mezzi termini di aver puntato su un motivo piuttosto orecchiabile, forse per "esorcizzare" l'ingiusta eliminazione di due anni fa: nella prestigiosa kermesse condotta da Giorgio Panariello, infatti, Venuti gareggiò con gli Arancia Sonora nella categoria "Gruppi" proponendo il brano "Un altro posto nel mondo", ma venne subito eliminato.
Ciò tuttavia non gli impedì di conseguire un risultato importante:
questa splendida ballata in 6/8, infatti, è stata tra le canzoni sanremesi più trasmesse dalle radio nel 2006. A Sanremo, Mario Venuti è stato anche 4 anni fa con il brano "Crudele", che lo aveva fatto arrivare decimo nella classifica finale, vincendo il premio della critica.
«Ho sempre pensato che pop sia un termine nobile, che unisce Domenico Modugno e Luigi Tenco, Elvis Costello e i Talking Heads, i Beatles e Lucio Battisti», sostiene Venuti, e questa frase la dice lunga sul suo modo di intendere la musica. Venuti scrive e canta storie oramai da un po' di tempo: non si è mai girato indietro, né per rinnegare il passato né per riviverlo. Ha preferito affinare i suoi strumenti. E si sente.
Massimo Giuliano 11/09/2008 10.15

VERI': «SPETTACOLI PER POCHI ELETTI»

«Iniziative per ‘pochi intimi' che, privilegiando esclusivamente alcune attività, nulla hanno a che vedere con la promozione del centro storico di Pescara» E' la denuncia della consigliera comunale del Popolo della Libertà Nicoletta Verì, vicepresidente del Consiglio, alla vigilia del secondo appuntamento serale ‘unplugged' previsto per oggi.
«Ormai», aggiunge la Verì, «la rinascimentale giunta D'Alfonso diventa sempre più élitaria. Appena pochi giorni fa si è spesa per autorizzare e contribuire all'organizzazione dello spettacolo di Smaila, concentrato esclusivamente in via delle Caserme, a tutto vantaggio dei ristoratori della via e relegando al ruolo di ‘cenerentola' gli imprenditori dello storico corso Manthoné, via dei Bastioni, Largo dei Frentani, coloro che con le proprie attività tengono in vita quella parte di Pescara».
E sempre secondo Verì per l'appuntamento con Mario Venuti «non esiste né determina né delibera. Ancora una volta si tratterà di una serata in cui vedremo politici e assessori sfilare tra i tavolini dei ristoranti di via delle Caserme, godendosi lo spettacolo ai danni di quelle attività situate appena alle spalle della strada e che vedranno concentrarsi centinaia di utenti nella sola via delle Caserme lasciando vuoti i propri ristoranti».
12/09/2008 10.46

I VIDEO DI MARIO VENUTI