Tossicia, il record c’è. 50 ore di chitarra per Terraza

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2443

Tossicia, il record c’è. 50 ore di chitarra per Terraza
TOSSICIA. Polverizzato il record del 2007 dell’americano Brian Engelhart di 44 ore. Guillermo Terraza ha fatto di più. Ha suonato ininterrottamente per 50 ore.
Torna in Italia il titolo già raggiunto nel 2005 a Napoli e precedentemente, nel 2003, a Teramo. Alle 23.40 unA ovazione dei mille presenti all'arena del circolo ippico di Tossicia ha salutato l'impresa. Il chitarrista italo argentino ha avuto le crisi peggiore durante le due nottate.
Nelle 50 ore ha suonato con la sua chitarra più di 800 pezzi, accompagnato da 23 musicisti.
Special guest dell'ora conclusiva, e anche la più difficile fisicamente e psicologicamente, Gorian Kuzminac.
Guillermo Terraza supportato dalla sua compagna Simona ha dichiarato, dopo il record: «è ovviamente un record fortemente voluto. La notte scorsa alle quattro e mezza la grande crisi ma non ho mai pensato di smettere. La chitarra è la mia vita e anche stavolta non mi ha tradito. Il mio pensiero corre ora al compagno di avventura Patrizio Sciroli».

Sciroli ha iniziato la sua lunga pedalata al centro ippico venerdì mattina alle 10.00 sulla sua bicicletta statica. Entrambi avevano evidenziato come peggior nemico il sonno durante le ore notturne, cosi è stato.
«Ho avuto una piccola crisi intorno alle 4.00 del primo giorno», ha dichiarato Sciroli, «tutto è passato. Mi sono rifocillato con bresaola, pasta e molti liquidi. Fortunatamente ora va meglio». Sciroli percorrerà, in 133 ore, in caso di primato, almeno 2.620 km mantenendo la media minima prevista dal libro dei guinness di 20 chilometri orari.
«Le ore più dure per entrambi sono quelle in cui diminuisce il pubblico», afferma Sergio D'Ascenzo, presidente della Croce Bianca, «noi operatori diventiamo così dei veri e propri fans, cerchiamo di incoraggiarli, di farli sorridere. Superare questi record non è semplice».
30/06/2008 9.11