Ad agosto il festival del corto a Palena nel nome di Perry Como

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2402

PALENA. L'Associazione Culturale Palenese organizza la prima edizione del "Premio Cinematografico Palena", il cui obiettivo è di valorizzare, promuovere e divulgare il cortometraggio cinematografico.



PALENA. L'Associazione Culturale Palenese organizza la prima edizione del "Premio Cinematografico Palena", il cui obiettivo è di valorizzare, promuovere e divulgare il cortometraggio cinematografico.
E' questa una forma espressiva particolarmente valida ed attuale per sviluppare i linguaggi artistici ed antropologici dell'intero territorio del Comune di Palena.
Un occhio particolare è riferito ai personaggi più illustri che hanno onorato Palena nel mondo della cultura e dello spettacolo: Perry Como ed Ettore Maria Margadonna.
Il bando di concorso e la scheda di partecipazione al concorso sono scaricabili da www.associazioneculturalepalenese.com. Il Premio Cinematografico Palena si terrà dal 7 al 14 agosto; e proprio la sera del 14 agosto, alle ore 21, ci sarà la serata di premiazione.
Perry Como, all'anagrafe Pierino Ronald Como, fu un cantante molto popolare negli Stati Uniti a partire dagli anni Trenta fino agli anni Novanta.
Nato da genitori di Palena, Lucia Travaglini e Pietro Como, è stato motivo di orgoglio e vanto per l'Abruzzo intero con molti record quali 14 singoli al primo posto nella hit parade USA, 20 dischi d'oro ed oltre 100 milioni di dischi venduti in tutto il mondo.
Fu il primo cantante ad avere uno show tutto suo, intitolato prima "The Perry Como Show" e poi "The Perry Como's Kraft Music Hall", in onda dal 1948 al 1963.
Divenne il presentatore più pagato della storia della televisione, riuscendo così ad entrare nel Guinness dei primati. Al suo attivo anche quattro film girati negli anni quaranta. Ettore Maria Margadonna fu un famoso ed affermato sceneggiatore e scrittore che arrivò ad essere redattore capo dell'Avanti!, glorioso quotidiano del Psi che fu pubblicato dal 1898 al 1994.
Suo anche il volume "Dio semina gli uomini". La sua grande passione per la scrittura lo porta a firmare le sceneggiature di diversi film famosi quali la fortunata serie "Pane, amore e…", "L'Allegro Fantasma" del 1941 di Carlo Lodovico Bragaglia, "Il Bandito" del 1946 di Alberto Lattuada, "Il Moralista"
del 1959 di Bianchi. Ha inoltre recitato come attore nel celeberrimo "Lo Sceicco Bianco" del 1952 di Federico Fellini, suo grande amico e collaboratore.
Ha fatto parte della commissione di selezione della Mostra del cinema di Venezia e fino al 1959 è stato amministratore delegato di Cinecittà.

m.g. 29/05/2008 10.51