A Celenza sul Trigno il festival internazionale dei corti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2763

CELENZA SUL TRIGNO - 'Le festival des Trés Courts', la rassegna internazionale di cortometraggi, approda a Celenza sul Trigno, unica tappa abruzzese per la celebre manifestazione.
E il piccolo centro montano del Vastese fa la sua bella figura nel panorama culturale nazionale e internazionale, comparendo, sul sito collegato all'iniziativa www.trescourt.com , accanto a realtà ben più blasonate, quali Bologna, Padova, Siena, Trento e Vicenza, insieme ad una cinquantina di altre città in Francia, paese che organizza l'evento, e di altri centri in tutta l'Europa e del mondo, per un totale di diciassette nazioni coinvolte.
La decima edizione del festival internazionale dei 'corti', ovvero cortometraggi, film brevi, creazioni 'istantanee' di grandi registi o esordienti, ospitato proprio a Celenza sul Trigno, una straordinaria opportunità di mettersi in mostra a livello internazionale per la piccola, ma vivace realtà trignina.
L'appuntamento è dal 2 al 4 maggio prossimi, presso la sala teatro del comune, in via Garibaldi, con tre serate dedicate al cinema. L'iniziativa è a cura dell'associazione Pro-Loco di Celenza sul Trigno e dell'amministrazione comunale.
Spiega la presidente dell'associazione Pro-Loco, Maria Di Nunzio, docente di lettere presso la locale scuola media:«Si tratta di una straordinaria occasione culturale che abbiamo avuto la fortuna di portare materialmente a Celenza sul Trigno. Partecipare a questa rassegna internazionale, insieme a diciassette nazioni europee e di altri continenti, è davvero una grossa opportunità, anche di visibilità per il nostro comune».
I cortometraggi saranno proiettati contemporaneamente nelle diverse sedi che prendono parte all'iniziativa.
«Abbiamo cercato di coinvolgere anche le scuole della zona, - continua la professoressa Di Nunzio - in quella che è senza dubbio un'offerta formativa e culturale assolutamente inedita per questa zona. Speriamo in una buona risposta da parte del pubblico, e sicuramente tutto il territorio potrà trarre dei vantaggi d questa iniziativa culturale di altro profilo».

f.b. 02/05/2008 10.53