Giò Di Tonno a Sanremo tra i big

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5367

Giò Di Tonno a Sanremo tra i big
SANREMO. Per il quarto anno consecutivo, l'Abruzzo sarà rappresentato al Festival di Sanremo: dopo La Differenza nel 2005, Luca Dirisio nel 2006 e Piero Mazzocchetti nel 2007 (terzo classificato tra i big), per la 58esima edizione sarà il pescarese Giò Di Tonno a salire sul palco dell'Ariston.
L'annuncio è stato dato da Pippo Baudo ieri, nel corso di "Domenica In", quando sono stati comunicati i 20 concorrenti di Sanremo 2008. Di Tonno, che sulla riviera ligure è già stato in gara nel 1994 (con "Senti uomo") e nel 1995 (con "Padre padrone"), si esibirà in coppia con Lola Ponce cantando “Colpo di fulmine”.
In pratica, si riformerà la coppia di "Notre Dame De Paris", visto che Giò è stato il noto "gobbo" che proprio grazie al musical di Cocciante si è definitivamente lanciato verso il successo, mentre Lola ha impersonato la bella Esmeralda.
La nostra regione farà anche stavolta il tifo. Tra i partecipanti si segnalano “giovani” glorie come Gianluca Grignani, Max Gazzè, Mario Venuti, Tiromancino e Sergio Cammariere, nonchè personaggi che sono stati spesso a Sanremo: Amedeo Minghi, Toto Cutugno, Little Tony, Michele Zarrillo, Mietta, Anna Tatangelo e Loredana Bertè. Torna Fabrizio Moro, vincitore dello scorso anno nella sezione "Nuove proposte", e si riaffacciano anche L'Aura e Paolo Meneguzzi.
Non manca persino qualche sorpresa, giusto per "osare" un po', con il pop-punk dei Finley e il rap di Frankie Hi-Nrg.
Soddisfatti della scelta e fiduciosi nel buon esito del festival di Sanremo i tre componenti della commissione artistica: per Marino Bartoletti, «Ci saranno almeno 3-4 canzoni in cui ci sapremo riconoscere, indipendentemente dai nostri gusti e dall'anagrafe. E, da vecchio fruitore del Festival, sono anche sicuro che ci saranno molti brani che il giorno dopo verranno cantati dalla gente comune. Credo che questo Festival farà del bene alla musica italiana».
«E' uno dei Festival migliori di sempre - dice Federica Gentile, conduttrice televisiva e dj di RadioRai - Più del 50% delle canzoni selezionate è di sicuro appeal radiofonico. Sono sicura che se a maggio-giugno faremo un confronto con i dati di mercato, le classifiche rispecchieranno la rosa sanremese. Non è vero che la musica non si vende più: sono i canali di vendita che sono cambiati. Il Festival, come la musica, non morirà mai. Anche i cosiddetti ‘grandi vecchi' che sono in gara hanno proposte musicali innovative».
«Sono molto felice per la varietà che abbiamo riscontrato di generi e stili - commenta Paolo Buonvino, compositore - e anche di contenuti nei testi, dal rap al pop melodico al cantautorato impegnato. Sono canzoni molto varie e tutte di qualità: ognuna riesce a dare tanto nel suo genere. Ci sono delle proposte di grande modernità, in molti casi di grande audacia: non c'è la ‘canzone da Sanremo'. Parliamo di persone che hanno una presenza nel mercato reale. Sanremo continua ad avere una grande importanza per molti artisti».

Massimo Giuliano 07/01/2008 10.11