Teatro. "Filumena Marturano... un anno dopo"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3796

CITTA’ SANT’ANGELO. Cosa potrebbe essere accaduto a Filomena e a Domenico, di cui nella "Filumena Marturano" del 1946 Eduardo De Filippo raccontava le vicende che li hanno portati al matrimonio?
E' la domanda che si è posto Aldo Inda, regista e interprete della compagnia degli Scugnizzi italiani, e che lo ha portato a scrivere e dirigere la commedia in tre atti in dialetto napoletano "Filumena Marturano... un anno dopo". Lo spettacolo andrà in scena in anteprima nazionale giovedì 6 dicembre alle 21 nel teatro-bomboniera di Città Sant'Angelo.
«Ho cercato – spiega il regista – di unire i contenuti morali e sociali delle commedie di Eduardo alla comicità di quelle del fratello Peppino. Al di là di una trama che si propone brillante grazie ad equivoci e malintesi sui valori della maternità e della famiglia, il mio messaggio vuole andare al cuore di una problematica evidente del nostro tempo: la comunicazione fra le persone. Se dei problemi non si parla con i diretti interessati, non si risolveranno mai, anzi si amplificheranno a dismisura. Se non si parla è l'inizio della fine.» Saliranno sul palcoscenico Aldo Inda, Carmen Palladino, Carmine Rizzo, Laura Borlenghi, Franca Buongiovanni, Giampiero Aveta, Carlo Neri, Silvia Inda, Davide Teolis, Simone Iervese, Marisa Lessa, Martina Renzetti, Francesca Ciaparone e Vittorio Coroneo. Direttore di scena, Anna Cicalini.
La compagnia degli Scugnizzi italiani nasce nel 1998 per volontà di Aldo Inda ed è formata da interpreti che con professionalità e abnegazione si impegnano a trasmettere le sensazioni e le emozioni proposte dagli autori, in particolare le canzoni del repertorio classico napoletano e la sperimentazione di un cabaret in forma teatrale.
Aldo Inda è nato a Napoli e nel 1982 riceve con Massimo Troisi il premio "Città di Napoli" con la commedia "I tre mariti". Il suo talento è stato definito dal professore Mario Pellegrini «racchiudente la comicità di Troisi, la mimica di Totò e l'espressione di Eduardo».




06/12/2007 9.49