Torna il "festival internazionale cinema naturalistico ed ambientale"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4588

ABRUZZO. Torna il “Festival internazionale del cinema naturalistico ed ambientale”, e per il secondo anno sceglie la fortunata formula itinerante che lo porterà dal 4 al 19 agosto nelle piazze di otto splendidi borghi delle montagne abruzzesi: Roccascalegna (4 e 5 agosto), Intermesoli (7 agosto), Pietracamela (8 agosto) Civitaquana (10 -11 agosto), Farindola (12 agosto), Rigopiano (13 agosto), Capestrano (15 agosto), Fano Adriano (17 agosto). La cerimonia di premiazione, presentata da Maria Teresa Ruta, avrà luogo a Giulianova il 19 agosto.
«L'idea di svolgere la manifestazione in Abruzzo – spiega il direttore del festival Riccardo Forti – è motivata dalla volontà di proporre un genere cinematografico in luoghi ricchi di natura e memoria storica, che è poi la linfa vitale del documentarismo. Con la formula itinerante inoltre questa forma d'arte, come è avvenuto l'anno scorso, sarà fatta conoscere e apprezzare ad un ampio pubblico”.
In programma la proiezione di 45 documentari, in parte inediti e che rappresentano il meglio della vivacissima produzione italiana. Venticinque i documentari in concorso, che si contenderanno prestigiosi premi e il voto del pubblico. La giuria è presieduta dal regista Marcello Ramognino. Le giornate del festival saranno seguite da una troupe di Rai Uno».
Molto tempo è passato da quando l'esquimese Nanuk, tra lo stupore del pubblico attraversò lo schermo in occasione della proiezione di quello che è considerato il primo documentario, a firma di Robert Flaherty.
Da allora il documentario, figlio minore (e povero) del cinema, è sempre di più un luogo di sperimentazione linguistica, interpretazione della realtà, espressione artistica, che non si limita a riferire, con piglio scientifico, un luogo, un soggetto, un fenomeno.
I documentari proposti dal Festival ne sono un esempio. Essi spaziano in un ampio spettro tematico: si va dal documentario squisitamente naturalistico che focalizza l'obiettivo nel regno animale e vegetale, al documentario dal taglio antropologico, che racconta con vari stili e diversi livelli di empatia, luoghi, persone e tradizioni, al reportage d'inchiesta e di denuncia.
Il Festival, partner dell'ONU - Programma ambiente, insignito dell'alto Patronato del Presidente della Repubblica, realizzato con il contributo della Regione Abruzzo ed altre istituzioni ed enti, proporrà anche dibattiti pubblici, animati da personalità del mondo della cultura, del cinema e della scienza.

Questi i dibattiti in programma : “Piccoli comuni d'Italia”, a cura di Legambiente (5 agosto), “Montagne di ghiaccio” a cura di Cogecstre (8 agosto), “Acqua e pace” (11 agosto), “Inventario delle foreste e del carbonio INFC” a cura del Corpo forestale dello Stato. Le serate del festival avranno inizio alle ore 21.00 con proiezioni per bambini con tanti di distribuzione di dolci e termineranno con un buffet di prodotti tipici.



28/07/2007 10.19