Beneficenza, il 10 all’Aquila concerto di Niamh Parsons

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1840

L’AQUILA. Musica e solidarietà, questo il binomio della serata di domenica 10 giugno, quando a partire dalle ore 21,30 presso il Teatro Sant’Agostino si terrà il concerto della cantante folk irlandese Niamh Parsons. L’iniziativa è stata promossa dalla Provincia dell’Aquila in collaborazione con la Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila e il Teatro stabile d’innovazione L’Uovo.
L'intero incasso (il costo del biglietto d'ingresso è di 10 euro), sarà devoluto all'associazione L'Aquila per la Vita, nata con l'obiettivo di supportare le attività cliniche e di ricerca del reparto di oncologia Medica dell'Università dell'Aquila.
La presidente della provincia Stefania Pezzopane, che ha aperto la conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa, ha sottolineato il valore aggiunto della serata, che riesce a coniugare spettacolo e solidarietà, a sostegno di quanti soffrono a causa del cancro.
«Siamo di fronte a persone che con coraggio e tenacia lavora da molto tempo per alleviare il dolore di pazienti che devono combattere ogni giorno contro una malattia brutale – ha affermato la presidente – sono sicura che saranno molte le persone che risponderanno allo spettacolo».
Tra i progetti finanziati da L'Aquila per la Vita negli ultimi due anni ci sono: cinque contratti annuali per oncologi per un totale di 85 mila euro, corsi di aggiornamento e master, acquisti di apparecchiature per il monitoraggio dei pazienti e di un'autovettura per consulenze oncologiche a domicilio, arredamento di un locale destinato a biblioteca e sala riunioni all'interno del reparto.
Giampiero Porzio, oncologo dell'Ospedale San Salvatore, dopo aver ringraziato le istituzioni, come la Provincia e L'Uovo del sostegno offerto in tutti questi anni, ha polemizzato contro chi, ha affermato il dottore, fa grandi progetti ma poi non concretizza il proprio aiuto.
«Siamo soddisfatti delle istituzioni che ci appoggiano – ha detto – non lo siamo invece per chi non fa abbastanza. Il reparto di Oncologia dell'Ospedale di Teramo ha ricevuto 600.000 euro dalla Fondazione Tercas, il nostro solo 6 mila dalla Fondazione Carispaq (dalla passata gestione di Barattelli)».
M.I. 09/06/2007 10.12