Cinema, Oscar 2007: Morricone e Scorsese, vince il cinema di qualità

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2209

CINEMA. Dopo cinque nomination, Martin Scorsese ha finalmente vinto: quattro le statuette per il regista italo-americano. È stata la serata di Ennio Morricone, premiato con l’Oscar alla carriera. Ma c’è stato anche un altro trionfo italiano, quello di Milena Canonero per i costumi di “Marie Antoniette”.      

CINEMA. Dopo cinque nomination, Martin Scorsese ha finalmente vinto: quattro le statuette per il regista italo-americano. È stata la serata di Ennio Morricone, premiato con l'Oscar alla carriera. Ma c'è stato anche un altro trionfo italiano, quello di Milena Canonero per i costumi di “Marie Antoniette”.


 


 


 

“Finalmente!” Sarà stata questa l'espressione usata da Scorsese al momento dell'annuncio della sua vittoria, celebrata e consegnata dai suoi (grandi) colleghi Steven Spielberg, Gorge Lucas e Francio Ford Coppola.
Il regista italo-americano dopo un numero incredibile di candidature nel passato (ben cinque), ha finalmente portato a casa la statuetta del premio cinematografico più ambito del mondo. “Tutti mi chiedevano quando l'avrei vinto. Me lo chiedevano in ascensore, me lo chiedeva il medico quando mi facevo le radiografie, me lo chiedevano per strada”, ha dichiarato Scorsese durante la cerimonia, a dimostrazione di quanto fosse sentito nel pubblico questo premio, giustissimo riconoscimento ad uno dei grandissimi del cinema moderno.
“The Departed”, il film che l'ha finalmente premiato, ha conquistato addirittura quattro Oscar (primo classificato per questa 79° edizione come numero di statuette vinte): oltre miglior film e regia, anche montaggio e sceneggiatura non originale.

Tutti i vincitori:
ecco l'elenco completo dei premiati dell'edizione 2007, la 79°.

. Miglior film: "The Departed"
. Miglior regia: Martin Scorsese "The Departed"
. Migliore attore protagonista: Forest Whitaker, "The Last King of Scotland"
. Migliore attrice protagonista: Helen Mirren, "The Queen"
. Miglior attore non protagonista: Alan Arkin, "Little Miss Sunshine"
. Miglior attrice non protagonista: Jennifer Hudson, "Dreamgirls"
. Migliore film in lingua non inglese: Das Leben der Anderen, Germania
. Sceneggiatura non originale: William Monahan, "The Departed"
. Sceneggiatura originale: Michael Arndt, "Little Miss Sunshine"
. Film d'animazione: "Happy Feet"
. Scenografia: "Il labirinto del fauno"
. Fotografia: "Il labirinto del fauno"
. Missaggio sonoro: "Dreamgirls"
. Montaggio sonoro: "Lettere da Iwo Jima"
. Colonna sonora: "Babel" Gustavo Santaolalla
. Canzone: "I Need to Wake Up" da "An Inconvenient Truth", Melissa Etheridge
. Costumi: "Marie Antoinette", Milena Canonero
. Documentario: "An Inconvenient Truth"
. Cortometraggio documentario: "The Blood of Yingzhou District"
. Montaggio: "The Departed"
. Trucco: "Il labirinto del fauno"
. Cortometraggio d'animazione: "The Danish Poet"
. Cortometraggio:"West Bank Story"
. Effetti speciali: "Pirati dei caraibi - La maledizione del forziere fantasma".
. Oscar alla Carriera Ennio Morricone
. Premio umanitario “Jean Hersholt”: Sherry Lansing Emc.

Oltre al già citato “The Departed”, non può non saltare all'occhio la doppia premiazione italiana:
quella già annunciata
, alla carriera, di Ennio Morricone, che non è riuscito a trattenere le lacrime durante la cerimonia mentre dedicava il premio alla moglie e ai registi con cui ha lavorato, con le immagini e la musica di “C'era una volta in America” a fare da cornice.
La seconda “vittoria italiana” è quella di Milena Canonero, costumista, alla sua terza statuetta (quest'anno premiata per “Marie Antoniette”). Da sottolineare il doppio premio al bellissimo “Little Miss Sunshine”  (attore non protagonista e sceneggiatura originale) e il tris de “Il labirinto del Fauno”, bella sorpresa di Guillermo Del Toro (scenografia, trucco e fotografia); inoltre, la vittoria di Al Gore, ex vice presidente Usa, che ha anche accennato ad una probabile ricandidatura dopo il successo del suo documentario sull'effetto serra e le simpatie popolari che sta ricevendo dopo questo lavoro (accompagnato e supportato da tante celebrità, su tutte Di Caprio).
Scontate le vittorie dei migliori attori, dove Helen Mirren (già
vincitrice a Venezia lo scorso settembre
) con “The Queen” e Forest Whitaker, “L'ultimo re di Scozia”, non hanno trovato rivali al pari delle loro interpretazioni.

Ernesto Valerio 26/02/2007 9.31