Sfida all’ultimo trucco: "The Prestige"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1541

Thriller, prestigio, magia, Londra vittoriana: “The Prestige” , il nuovo lavoro di Cristhopher Nolan, si presenta come un coraggioso esempio di ottimo cinema. L'autore di “Memento”, tra un episodio di Batman e un altro, ha deciso di tornare al suo “vecchio” intreccio narrativo, realizzando un lavoro assolutamente non banale, ricco di colpi di scena e che mischia sapientemente thriller, fantascienza, ricostruzione storica e puro sentimento.
La sfida all'ultimo colpo (e sangue…) di due illusionisti, nell'Inghilterra affascinante e affascinata di fine ‘800, è protagonista e sfondo di un ampio complesso di personaggi, vere e proprie personificazioni dei grandi temi della narrativa, visiva o meno che sia. Ambizione, vendetta, amore, animo umano, … famiglia, gioco del doppio, magia e scienza, “alchimia” e realtà…: è un potenziale elenco infinito di tematiche quello che “The Prestige” ci butta sul piatto, senza nessun trucco di sorta.
Un cast davvero sopra le righe dove il talento di un perfetto Christian Bale (l'illusionista Alfred Border) si coordina perfettamente con la teatralità recitativa di Hugh Jackman (nel ruolo dell'altro illusionista, il bel Robert Angier), sempre in grande spolvero dietro la telecamera. Ad accompagnare la coppia di “maghi”, l'onnipresente Scarlett Johansson, che in costume rende il meglio di sé (come in “La ragazza con l'orecchino di perla”), David Bowie, nel ruolo dell'inventore Nikolas Tesla (inventore di una fantasmagorica macchina per il “trasporto della materia”) e un altro mostro sacro del cinema contemporaneo, Michael Caine.

Ernesto Valerio 09/01/2007 10.25