Compagnia Teatro Zeta:stasera la prima nazionale di "Federico II vento di soave"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2176

L'AQUILA. E' dedicata a Federico II, uno dei personaggi più controversi della storia, la prima nazionale di “Federico II Vento di Soave”, spettacolo della Compagnia Teatro Zeta, che debutterà questa sera alle 21 presso il Teatro Sant'Agostino all'Aquila.
A distanza di due anni dal primo studio su Federico II la stessa compagnia mette in scena un nuovo spettacolo, su una figura gigantesca del Medioevo, il cui mito è ancora oggi oggetto di discussioni e studi approfonditi.
La narrazione parte dalle leggende riportate da Padre Bonaventura da Lama e dallo storico Pantaleo che narrano che Federico II fosse così geloso della giovane amante da rinchiuderla, sospettandola di infedeltà, durante la gravidanza di Manfredi, in una torre del Castello di Gioia del Colle.
Lei, dopo il parto, si sarebbe uccisa tagliandosi i seni e li avrebbe mandati, insieme al neonato, all'imperatore.
Da qui si sviluppa lo spettacolo, che tralasciando la ricostruzione storica, immagina intrighi e innocenze dei personaggi, ricreando le atmosfere e le suggestioni del Medioevo.
«I personaggi si muovono in uno spazio scenico molto semplice» ha affermato il direttore artistico del Teatro Zeta Manuele Morgese, che ieri ha presentato la prima «in questo spettacolo desideriamo affrontare alcuni importanti momenti della vita di Federico II, che molto spesso si confonde con la sua leggenda. Il risultato è un affresco di questo misterioso personaggio nella sua epoca storica, il ritratto di un uomo geniale che ancora oggi suscita ammirazione, e la storia di un uomo che si trova a dover fronteggiare il suo grande ed amaro destino».
La regia dello spettacolo è affidata a Antonello Santarelli, i testi sono di Morgese. Biglietti: 13 euro intero e 8 euro ridotto.

12/12/2006 7.59