Vasto, la stagione teatrale parte con Paolo Villaggio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1806

VASTO. Otto appuntamenti, tutti di grande spessore, scandiscono il cartellone della stagione teatrale di vasto, allestita all’ATAM in collaborazione con il Comune. L’apertura, il 6 dicembre, è affidata a Paolo Villaggio che ci propone, in Serata d’addio, tre atti unici ispirati alle opere di Cechov e Pirandello che hanno il sapore di un bilancio e di una riflessione sul tempo trascorso e sulla vita.
Il 18 dicembre andrà in scena una delle tragedie più famose di Shakespeare, Romeo e Giulietta, nella rivisitazione trasgressiva che ne fa Leo Muscato, complice la sua straordinaria compagnia di comici, rigorosamente tutti di sesso maschile.
Un itinerario punteggiato di battute irresistibili e di episodi spassosi ci racconta le nevrosi dell'uomo contemporaneo in Due scapoli e una bionda, commedia di Neil Simon in cartellone l'11 gennaio che vedrà protagonisti Franco Oppini, Nini Salerno e Barbara Terrinoni, per la regia di Alessandro Benvenuti.
Una pièce commovente ed emozionante, tutta giocata sul rapporto madre-figlia ci inchioderà alla poltrona il 19 gennaio, gettandoci di colpo, dopo i primi cinque minuti, in un dramma sulla violenza e le coercizioni familiari. Stiamo parlando di Buonanotte mamma di Marsha Norman, con Gaia de Laurentiis e Valeria D'0bici dirette da Nora Venturini.
Una metafora sul potere, crudele e lucidissima, ci aspetta il 14 febbraio con Macbeth di Shakespeare, nella elaborazione drammaturgica di Elena Bucci e Marco Sgrosso, anche interpreti e registi.
Francesca Reggiani sarà la protagonista, il 27 febbraio, di Controtempo, storia di una musicista francese e del suo fidanzato Greg che lavora al Wold Trade Center; sullo sfondo New York e al centro una data particolarmente “pesante”, il terribile 11 settembre. Il testo è di Christian Simeon, la regia di Gabriele Vacis.
Il 6 marzo va in scena la società che pratica una falsa onestà, che in apparenza accetta le norme comuni e in segreto le tradisce. Ce la racconta il grande Pirandello ne L'uomo, la bestia e la virtù e mai, come in questo testo, la drammaturgia di Pirandello si incontra e si esprime col linguaggio del grottesco. A interpretare e dirigere la commedia saranno Enzo Vetrano e Stefano Randici.
La stagione si chiude il 13 marzo con il one man show “Faccio del mio meglio”, protagonista Giorgio Panariello che ci propone il meglio dei suoi monologhi, tra sarcasmo e un tocco di poesia. Firma la regia Giampiero Solari.

05/12/2006 8.50