Dal 2 agosto "Garrufo con gusto" a Sant’Omero

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3036

SANT’OMERO. Il 2 agosto prossimo avrà inizio a Garrufo di Sant’Omero la seconda edizione di “Garrufo Con Gusto, il Cibo dei Luoghi, i Luoghi del Cibo” manifestazione gastronomica, ricreativa, culturale, sportiva, promossa e curata dall’associazione turistica Pro Loco Garrufo.
Gli eventi in programma, che avranno luogo tra piazza XXV Aprile e piazza Castrum Rufi,, sono finalizzati alla valorizzazione dei prodotti tipici locali, alla riscoperta degli alimenti della cultura contadina, dell'arte del cibo delle grandi occasioni, del cibo come recupero della memoria e dell'identità di una comunità, del cibo nelle arti, nei riti religiosi e nelle credenze popolari.
La manifestazione si aprirà alle ore 19 del 2 agosto con il saluto del presidente della Pro Loco, Carlo Di Clemente, che parlerà dei piatti tipici della realtà locale riproposti negli stand gastronomici allestiti a piazza Castrum Rufi e si chiuderà l'8 agosto con la presentazione del libro “Il Convivium dei Cesari” di Stanislao Liberatore e la premiazione dei vincitori del “Racconto Breve: Storie e tradizioni enogastronomiche della tua terra”
Sempre il 2 agosto, alle 21.45, è in programma la presentazione della rivista “Tesori d'Abruzzo”con la partecipazione del direttore Sandro Galantini e la proiezione d'immagini della terra d'Abruzzo. Coordinatore dello spazio comunicazione è il giornalista Enrico Di Carlo.

Il 3 agosto verranno aperti i laboratori di scultura (modellato con la creta) del maestro scultore Sergio Tapia Radic e quelli di legatoria a cura del laboratorio artigianale dei detenuti del Carcere Circondariale di Ascoli Piceno guidato da Giuseppina Illuminati. A tutti i partecipanti, esperti e non, sarà rilasciato un attestato.
La terza serata, venerdì 4 agosto, è tutta dedicata al maiale. Gli stand gastronomici prepareranno piatti in tema con questo alimento ma la parte più interessante sarà la finestra che la comunicazione ha dedicato ai prodotti di questa saporita carne. Dal “Processo alla Salciccia”, avvenuto nel 2005, si è passati a “Lonzincontrada” un concorso per la migliore lonza, fatta in casa, riservato alle quattro contrade garrufesi: Castrum, Collimmacolata, S.Scolastica e Tario Rufo. Al responsabile della Asl di Teramo, Leonardo Ricotti, il veterinario Attilio Di Feliciantonio, il docente di sociologia generale all'Università d'Annunzio di Chieti, Gabriele Di Francesco e il responsabile della condotta Slow Food di Torano Nuovo, Leo Dezi, è affidato il compito di esporre sul gusto e la conservazione dei prodotti norcini fatti in casa.

Il 5 agosto sarà inaugurata la mostra “Le radici sulla tela – Il mondo contadino, la natura, il fare umano” delle artiste Annunziata Scipione di Tossicia (Teramo) e Giuliana Manelli di Pavia. Ad esporre le caratteristiche espressive delle due pittrici ci sarà Francesco Tentarelli, storico dell'arte. La mostra sarà arricchita dall'esposizione di attrezzi antichi dell'attività contadina, messi a disposizione dalla famiglia Francesco Di Addezio e dalla mostra di foto antiche di personaggi e luoghi di Garrufo.

Il 7 e l'8 agosto il programma di Garrufo con Gusto si concentra sulla letteratura legata agli aspetti della civiltà contadina e a quella culinaria. Alle 21.30 del 7 agosto si parlerà di “Pensieri e immagini di Carlo Levi”. Interverranno rappresentanti di Grassano e Aliano, in provincia di Matera, i paesi dove l'autore di “Cristo si è fermato ad Eboli” è stato confinato: l'Associazione Culturale “Crassanum”, gestore dei “Parchi Letterari C.Levi”, il parroco di Aliano, don Pierino Dilenge e Pasquale Limoncelli, responsabile della “Casa Cultura C. Levi” di Teramo. Questo appuntamento arriva qualche settimana dopo la morte del fondatore e ideatore dei Parchi Letterari, Stanislao Nievo, pronipote di Ippolito, che li ha fortemente voluti con l'intento di preservare e far rivivere i luoghi che hanno ispirato i grandi scrittori.
L'edizione 2006 di “Garrufo Con Gusto” si chiuderà con la premiazione dei vincitori del Premio Racconto Breve: Storie e tradizioni enogastronomiche della tua terra”. Ma prima ci sarà la presentazione del libro “Il Convivium dei Cesari”, un rapido e piacevole excursus insieme all'autore, il giornalista Stanislao Liberatore, nella cucina dell'antica Roma.

In tutte le serate, i visitatori, insieme agli stand gastronomici potranno trovare diverse attività organizzate dalla “Polisportiva San Vincenzo Ferreri” che fa parte del CSI (Centro Sportivo Italiano) come baby parking per bambini dai 5 ai 10 anni, bingo splash e la caccia al tesoro. Ma ci saranno anche spettacoli musicali, balli in piazza di liscio e latino americano e gare di karaoke.
Fra le pietanze particolari che si potranno assaggiare ci sono i Maccheroni di S.Scolastica realizzati con farina di Saragolla biologica e ragù con carne di gallo, Il piatto del Console una pasta corta con condimento di verdure e pancetta, Olive Vibratiane, olive fritte del Piceno in salamoia ripiene di carne cruda di manzo, Pane del Centurione, ovvero pane integrale biologico con alici e peperoni, Li taralle de lu machenà un dolce tipico fatto con farina biologica da inzuppare nel vino cotto.

29/07/2006 9.48