Mediterranea, il punto di incontro dei prodotti tipici abruzzesi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

778

PESCARA. Torna “Mediterranea” il tradizionale appuntamento con i gusti e i sapori tipici agroalimentari d’Abruzzo, ospitato anche quest’anno nell’area del Porto turistico “Marina di Pescara”. Si parte giovedì 27 luglio, ultimo giorno domenica 30 luglio. Giunta al prestigioso traguardo della XXI edizione, costituisce una delle più rilevanti mostre dei prodotti tipici agroalimentari d’Abruzzo.
Anche quest'anno la manifestazione organizzata dalla Camera di Commercio, dopo i positivi riscontri dell'edizione 2005, avrà una durata di quattro giorni per consentire al pubblico una migliore fruibilità dell'evento.
«Come tradizione», spiegano gli organizzatori, «saranno presenti le principali e più autorevoli imprese del comparto agroalimentare: imprese olearie, aziende vitivinicole, caseifici, salumifici, aziende di conserve alimentari, di tartufi, dello zafferano, di cereali minori, di frutta, di verdura, pastifici, produttori di miele, imprese dolciarie, di liquori e di erbe officinali».

La mostra che si svolgerà, come consuetudine, presso il “Marina di Pescara”, sarà inaugurata il prossimo 27 luglio alle ore 20:00 e si protrarrà sino a domenica 30 luglio. Gli orari di apertura al pubblico vanno dalle ore 19:00 fino a mezzanotte e mezza.
Parteciperanno ben 93 espositori su 96 stand che vedono nella manifestazione un'importante vetrina per far conoscere ad un vasto pubblico, di addetti ai lavori e non, i loro prodotti.
Nel corso delle quattro serate il pubblico potrà assistere a dimostrazioni relative alle tecniche di lavorazione, preparazione e conservazione dei prodotti messi in mostra. Degustazione di prelibatezze, lavorate sul momento, saranno offerte al pubblico dalla Coldiretti Abruzzo, grazie all'apporto della A.PRO.ZOO. La Assipan – Confcommercio distribuirà, invece, i suoi prodotti ai visitatori a pagamento; l'intero ricavato della vendita sarà devoluto all'iniziativa di beneficenza “Accendi un sorriso”.
Saranno, naturalmente, riproposti i minicorsi dedicati alle tecniche di degustazione e di corretta alimentazione. Il calendario dei minicorsi è il seguente:

 Giovedì 27 luglio - Minicorso di introduzione alla degustazione del formaggio;
 Venerdì 28 luglio - Minicorso di degustazione dell'olio d'oliva;
 Sabato 29 luglio - Minicorso di degustazione del vino;
 Domenica 30 luglio - Minicorso sulla corretta alimentazione del Prof. Bruno Piselli e seminario sul tema del Prof. Michelangelo Giampietro specialista in medicina dello sport e scienza dell'alimentazione dell'Università di Modena e Reggio Emilia.

L'orario di svolgimento dei minicorsi sarà per tutte le serate dalle ore 21.00 alle ore 22.00 e dalle ore 22.30 alle ore 23.30.
Una delle novità dell'edizione 2006 sarà la presenza di uno stand dedicato al Marocco. Una delegazione, composta da rappresentanti della Camera di Commercio Marocchina e da operatori economici locali, permetterà al pubblico di conoscere le principali attrattive della nazione con una particolare attenzione verso i prodotti dell'agroalimentare.
Per gli operatori gastronomici e per la stampa di settore l'Accademia della Ventricina di Scerni - già presidio Slow Food e prossima DOP - in collaborazione con il Gal - Gruppo di azione locale, ha organizzato un workshop e un seminario per illustrare le peculiarità di questi singolare prodotto.

“La Ventricina - spiega il presidente dell'accademia Luigi Di Lello - è molto apprezzata e conosciuta nell'area del pescarese, tuttavia, nostro malgrado, ci è spesso capitato di imbatterci in pessime imitazioni senza nulla a che fare con l'originale del vastese. Per questo abbiamo deciso di organizzare un incontro in occasione della prestigiosa vetrina di Mediterannea. Siamo certi che i gourmet e i ristoratori sapranno apprezzare le nostre genuine intenzioni”

“Oltre alla ventricina - prosegue Di Lello - si degusteranno altre eccellenze del vastese, in particolare la linea completa di insaccati di suino nero, un tempo molto diffuso in Abruzzo e oggi tornato negli allevamenti di alcuni produttori, sempre del vastese, che hanno accettato con entusiasmo questa sfida”.

25/07/2006 14.53