La Festa del Mare da oggi ad Alba Adriatica

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2066

Il pesce italiano naturalmente più saporito si pesca da Ancona a Termoli. Giacimenti naturali di panocchie, seppie, mazzoline, triglie, alici, sarde, sgombri e spigole dal sapore unico, presidiano la zona costiera delimitata all'interno dai massicci dei Sibillini, monti della Laga e Gran Sasso fino alla Maiella.
La preziosa risorsa dell'Adriatico è al centro della Festa del Mare organizzata dal 28 giugno al 2 luglio prossimo sul lungomare di Alba Adriatica dalla condotta Slow Food di Val Vibrata e Teramo in collaborazione con Regione Abruzzo – Assessorato all'agricoltura, la facoltà di Veterinaria dell'Università degli studi di Teramo, Comune di Alba, Associazione Culturale L'ARIETE e amministrazione provinciale di Teramo.
Cinque serate di Laboratorio del Gusto intorno alle esperienze sul pescato del giorno in Adriatico. Nel programma della manifestazione sono previsti laboratori tematici sulle stagioni del pesce (pesce azzurro, pesce fritto, sogliole); parassiti del pesce; scontro tra fresco e congelato; fresco nazionale contro fresco di provenienza estera. Intervengono tra i relatori, Ettore Tibaldi, consulente dell'Università di Scienze gastronomiche di Colorno (Parma) già ordinario di zoologia dell'Università di Milano; il preside dell'ateneo teramano di veterinaria, Fulvio Marsilio, e i docenti Pietro Giorgio Tiscar e Roberto Vergara; Primo Recchioni, broker di pesce di Civitanova Marche ed esperti ristoratori.
Ospiti speciali della kermesse un gruppo di studenti del corso universitario di Scienze gastronomiche di Pollenzo di Bra (fondata due anni fa da Slow Food) i quali nelle cinque giornate della Festa del mare condurranno uno stage tematico sulla pesca sostenibile. Per loro sono in programma uscite a bordo di lampare e piccole imbarcazioni per la pesca del pesce azzurro, pesca a strascico, retina per la pesca stanziale e vongolare; visiteranno inoltre i vivai per l'acquacoltura e l'allevamento di cozze a Giulianova, l'asta mattutina del mercato del pesce e la locale azienda conserviera di vongole e pesce azzurro. Con la ristoratrice Delfina D'Attanasio del ristorante “Delfina e Giovanni” di Tortoreto gli studenti apprenderanno nozioni sulla pulizia e cucina del pesce.
Per tutti i partecipanti ai Laboratori del Gusto ogni sera da mercoledì a sabato, a partire dalle 20.30, negli appositi gazebo allestiti sul lungomare Marconi e Rotonda Bellariva (Pineta di Alba Adriatica), si unirà teoria e pratica agli incontri con gli esperti invitati per passare poi alla degustazione del buon pesce dell'Adriatico protagonista della giornata.
Oltre ai Laboratori, da mercoledì a domenica sarà possibile gustare piatti della cucina marinara preparati da Giovanni Stuardi con il pescato del giorno : pesce azzurro, suri, sgombri, alici, cozze, in abbinamento ai migliori vini abruzzesi. Altri stand saranno dedicati a prodotti di eccellenza del territorio: salumi, formaggi, vino, pane.
«La Festa del Mare per la Pesca sostenibile», spiega Raffaele Grilli di Slow Food, «è un'esperienza polisensoriale, che coinvolgerà vista, udito e gusto per esaltare e difendere un bene prezioso di cui il nostro territorio dispone ancora generosamente, il Mare».

27/06/2006 15.51