L'iniziativa benefica dell'Ato:"Acquerelli per non sprecare la vita"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

664

Culminerà Giovedì 1 Giugno, in una manifestazione–esposizione in Piazza Martiri, il progetto di educazione ambientale “Acquerelli per non sprecare la vita”, promosso e finanziato dall'Ato, in collaborazione con il CSA di Teramo e l'artista teramano, Giuseppe Stampone.
L'evento è stato curato dal critico d'arte internazionale Marco Tonelli e le opere d'arte realizzate all'interno del progetto saranno pubblicate su un importante catalogo affidato al critico Franco Speroni.
Il lungo percorso artistico – creativo, al quale hanno aderito tutti i comuni della provincia e che ha visto la partecipazione di ben 40 scuole elementari, ha avuto inizio nel mese di settembre 2005 e si è articolato lungo un ciclo di seminari didattici ed incontri in cui sono stati affrontati aspetti e tematiche collegati alla risorsa “acqua”. Obiettivo: sensibilizzare i ragazzi ad un corretto uso del patrimonio idrico. Ogni incontro ha sempre previsto due momenti: uno teorico e l'altro laboratoriale.
Dalle 9 alle 13 di giovedì 1 Giugno il cuore della città si trasformerà in un'opera d'arte, animata festosamente dalla creatività dei bambini. Sarà offerta ai visitatori la possibilità di ammirare due percorsi artistici differenziati: il primo, in piazza Martiri, punto in cui saranno allestiti 40 pannelli di 4 metri x 2, raffiguranti le creazioni artistiche realizzate dagli alunni delle scuole elementari che hanno aderito al progetto. Il secondo percorso artistico, invece, avrà come scenario principale la parte centrale di Corso San Giorgio, nella quale saranno posizionate 6.000 bottiglie, interamente personalizzate dai bambini. Le creazioni andranno a formare la scritta “Acquerelli per non sprecare la vita”. Alla manifestazione si prevede l'arrivo di circa 6.000 studenti, provenienti dall'intero territorio provinciale e ai quali sarà permesso di raggiungere il luogo della manifestazione grazie ai mezzi di trasporto messi a disposizione dall'Ato. I 40 pannelli saranno successivamente rivenduti ai comuni di appartenenza e con i proventi ricavati dalle vendite saranno realizzati pozzi idrici nel Terzo Mondo.

29/05/2006 14.14