Quelle "Piccole evasioni" dal carcere dell'Aquila

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1055

Si terrà da giovedì 25 nella Casa Circondariale dell'Aquila la manifestazione PICCOLE EVASIONI 2006, terza edizione di una iniziativa promossa nell'aprile del 2004 dall'Area Pedagogica dell'istituto carcerario.
«L'iniziativa», spiegano gli organizzatori, «è stata accolta subito con interesse dalla cittadinanza e sostenuta con convinzione ed entusiasmo dal mondo della scuola e dagli operatori culturali che condividono da tempo presupposti e prospettive dell'impegno comune di direzione, educatori e agenti della polizia penitenziaria teso alla promozione culturale, alla risocializzazione e al reinserimento nel tessuto civile dei detenuti di Costarelle».
Piccole evasioni 2006 si articola in due giornate, la prima delle quali, giovedì 25, vedrà gli alunni della Scuola Media “G. Mazzini” intraprendere un percorso didattico all'interno della struttura carceraria per confrontare sul campo le loro conoscenze sulla realtà carceraria.
A conclusione della giornata, nella Sala Teatro della Casa andrà in scena lo spettacolo “Metamorphoses”, regia e drammaturgia di Maria Cristina Giambruno, proposto da L'Uovo Teatro Stabile di Innovazione che collabora con il carcere di Preturo da circa un ventennio.
Giovedì 1° giugno, seconda giornata della manifestazione, saranno gli stessi alunni della Mazzini a calcare la scena di Costarelle per rappresentare, sotto la guida dell'insegnante Rosanna Narducci, lo spettacolo “Il soldatino di piombo”.
Piccole Evasioni 2006 rientra in una progettualità più ampia, premiata con il finanziamento della Cassa Ammende del Ministero della Giustizia e comprende un Corso di formazione per Tecnici dello spettacolo e un Laboratorio teatrale, affidati entrambi a tecnici e attori de L'Uovo, per concludersi con un convegno finale sulla «formazione professionale e culturale dei detenuti, sulle prospettive di un loro re-inserimento lavorativo e sul contributo che la società libera può offrire all'opera di recupero sociale dei detenuti».

24/05/2006 8.20