Il pescarese Tony Pagliuca in concerto a Verona in formazione d’eccezione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

768

L'ex tastierista del gruppo progressive “Le Orme”, il virtuoso Tony Pagliuca (residente da anni in Veneto, ma originario di Pescara), parteciperà domani ad un Festival Prog insieme al suo ex compagno di band, il chitarrista Tolo Marton – uno dei migliori chitarristi europei di rock-blues, che esordì con Le Orme in “Smogmagica”, pubblicato in Italia nel 1975 – e al sassofonista David Jackson, ex componente dei Van Der Graf Generator. L'appuntamento con Tony Pagliuca e i suoi specialissimi compagni è a Lugagnano, in provincia di Verona, presso il Centro sportivo Tensostruttura.
Nello specifico, il programma prevede giovedì 25 maggio la performance del progetto “DFA” (Tony Pagliuca / David Jackson / Tolo Marton / Leo Di Angilla) con special guest Nic Potter, mentre venerdì 26 toccherà a Mangalavallis, con Bernardo Lanzetti (già vocalist della Premiata Forneria Marconi) e Aldo Tagliapietra.
Sabato 27 si esibirà il Banco del Mutuo Soccorso, mentre domenica 28 la manifestazione si concluderà con la Magical Mystery, coverband dei Beatles.
Pagliuca non ha mai dimenticato di essere pescarese, ed è per questo che appena può torna in Abruzzo, e non solo nel capoluogo adriatico, per presentare – il più delle volte, in anteprima – i suoi ultimi progetti.
E' accaduto a fine 2004 con “Re-collage”, esperimento sonoro in cui (già con Jackson al suo fianco, e si trattò di un'esperienza molto emozionante per Pagliuca, che si disse onorato di aver collaborato con il buon David) ha riletto “Collage”, uno storico album de Le Orme, ma anche un anno fa, quando ha suonato presso l'Arena del Mare di Pescara accompagnato da tre musicisti de La Fenice (Eddy De Fanti, Nicholas Myall e Marco Trentin), guest star il già citato Tolo Marton.
In quell'occasione, si è verificata una storica quanto singolare “prima volta”: nonostante un'amicizia lunga 30 anni, infatti, Tolo Marton non aveva mai suonato in concerto né con Le Orme né con Pagliuca, e dunque i due non si erano mai esibiti insieme sullo stesso palco. In quel 20 agosto del 2005, la rimpatriata di Tony Pagliuca nel capoluogo adriatico aveva consumato il rito della prima di un nuovo, prestigioso, progetto, provato prima a Mestre e poi a Pescosansonesco. Ora gli appassionati del prog, mai domi, potranno ritrovarlo nel “suo” (ma non troppo) Veneto, per una nuova affascinante avventura.

Massimo Giuliano 24/05/2006 13.55