Marco Ferradini stasera a Caramanico

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

937

CARAMANICO – Giungono al termine le “Giornate della libertà” organizzate per commemorare il 61° anniversario della liberazione dal regime nazifascista. Caramanico, come molti altri centri del pescarese, ha offerto una programmazione di tutto rispetto; inedita sarà la performance del musicista e cantante
Marco Ferradini che proporrà, questa sera, sabato 29 aprile, alle 21 in Piazza Vittorio Emanuele, un concerto che apre ufficialmente il suo tour 2006 intitolato “Filo Rosso” in cui, l'artista comense, oltre a cantare alcune sue canzoni di repertorio, animerà la serata con gli ultimi suoi lavori proposti nel cd 2005 intitolato proprio “Marco Ferradini – Filo Rosso”.
Ferradini, esordisce come cantautore al Festival di Sanremo del 1978 con il brano “...Ma quando Teresa verrà...”, singolo cui fa immediatamente seguito un album dallo stesso titolo prodotto da Alessandro Colombini.
Il disco è aggraziato, immerso in un candore espressivo e di contenuti particolari per l'epoca, dalla realizzazione naif con strumenti antichi e la partecipazione dei migliori musicisti milanesi del periodo.
Si crea l'immagine di un cantautore acqua e sapone, portatore di serenità e quiete, con la voce e con i suoni, prettamente acustici, in cui i sentimenti, al più trasparenti e con una punta romantica, spiccano sopra al resto.
Dopo un 45 giri dal titolo “Adriana” e, dopo l'incontro con Herbert Pagani, esce un mini lp dal titolo “Schiavo senza catene” con quattro brani, tre dei quali, scritti con Pagani fra cui la famosissima “Teorema”, che riscuoterà un notevole successo al Festivalbar e resterà il suo brano più conosciuto. Seguono nell'83 “Una catastrofe bionda”, nell'85 “Misteri della vita”, nell'86 “Marco Ferradini”, nel '90 “È bello avere un amico” e nel '95 “Dolce piccolo fiore mio”. Gli ultimi suoi lavori sono “Geometrie del cuore” del 2001 e appunto “Filo Rosso” del 2005, quest'ultimo contiene brani come “Cerco qualcuno”, “Spade nella roccia”, “Un filo rosso” e l'indimenticabile “Teorema”.
Il resto del week-end, sarà caratterizzato dalla proiezione del film “Il delitto Matteotti” alle 21 di domenica presso la sala consiliare del Palazzo Municipale e, dall'ormai tradizionale concerto del 1° maggio, con il “Rockfestival” alle 21 e Antonello Persico a seguire il quale, canterà De Andrè “Unplugged”.
Ivan D'Alberto 29/04/2006 9.30