La sagra dei Talami di Orsogna tra religione e tradizione

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3614

La sagra dei Talami di Orsogna tra religione e tradizione
Non sono bastati qualche goccia di pioggia e la nebbia a rovinare la Sagra dei Talami di Orsogna (Chieti), che ieri mattina ha riempito la piazza principale di cittadini e turisti, giunti ad ammirare una festa religiosa e contadina che si ripete da secoli con un fascino immutato nel tempo. I sette quadri biblici viventi, interpretati da attori immobili sopra palchi itineranti, sono partiti dopo le ore 10 dai quartieri del paese. Preceduti dalla Banda di Cupello, si sono dati appuntamento in piazza Mazzini, tra due ali di folla, per la sfilata finale, che si è svolta verso le 13.
La festa, in realtà, era cominciata già dalle 8 del mattino, con i fuochi pirotecnici e il concerto della Banda per le strade di Orsogna.
A mezzogiorno è stato aperto lo stand gastronomico curato dall'Associazione Domenico Ceccarossi, che ha proposto un menu ricchissimo, dalla "cipullata" ai fiadoni, dalle salsicce al forno con patate allo spezzatino, dai rigatoni al ragù, agli arrosticini, ai dolci tipici in pasta di mandorle.
Il tutto innaffiato da ottimo montepulciano d'Abruzzo e vino pecorino locale. Mentre sotto i portici della piazza, su iniziativa del locale Circolo artistico, alcuni madonnari hanno dipinto davanti agli spettatori le immagini più care alla devozione popolare, quelle di San Rocco e di San Nicola di Bari.
Nel foyer del Teatro comunale sono state messe in vendita cartoline raffiguranti le precedenti edizioni della manifestazione, sulle quali è stato apposto lo speciale annullo filatelico che Poste italiane anche quest'anno ha voluto dedicare ai Talami.
L'aria carica di pioggia ha reso, se possibile, ancora più suggestivo lo scenario. Molto ben curate e assai applaudite, anche quest'anno, le scenografie dei carri, i fondali affrescati dagli artisti locali e i costumi d'epoca indossati dagli attori, persone scelte tra la popolazione e appartenenti a tutte le età.
"Deus caritas est": questo il tema al quale si sono ispirati tutti i Talami, reinterpretando scene tratte dalla Bibbia. Un omaggio che l'Associazione culturale Talami Orsogna e il parroco, Don Mario Persoglio, hanno voluto rendere a Papa Benedetto XVI e alla sua prima enciclica.
Due ragazzi nel giardino dell'Eden sono stati i personaggi del primo Talamo, "Dio crea l'uomo e la donna", realizzato da Gianni D'Alleva, Maria D'Alleva e Antonio Di Girolamo. I ragazzi della Scuola media "Raffaele Paolucci" di Orsogna hanno animato il secondo Talamo, "Il passaggio del Mar Rosso", curato dagli stessi studenti e insegnanti dell'Istituto. "La tavola della legge e gli oggetti del culto", il patto di amore e di alleanza affidato da Dio a Mosé, è stato interpretato dal Gruppo Scout Orsogna, che ha realizzato anche scenario e scenografia. Il quarto Talamo, realizzato dalla stessa Associazione culturale Talami presieduta da Livia Ceccarossi, ha proposto il passo del Vangelo di Luca nel quale l'angelo Gabriele fa "l'annuncio a Maria". Una rilettura moderna e quasi spericolata è stata la parabola del "Buon samaritano" proposta da Maria Antonietta Zumbo nel quinto Talamo, con una scenografia ambientata ai giorni nostri: una ragazza parla con indifferenza al cellulare, altri due parlottano davanti a un bar, mentre un giovane aiuta una persona ferita a terra.
Molti applausi per il sesto Talamo, curato da Paolo Di Scipio, che in un quadro ricco di simboli narra "La deposizione" di Gesù Cristo, il cui corpo viene avvolto in bende di lino.
Come ogni anno, il Talamo più atteso è stato quello trasportato a spalla dal locale Gruppo Alpini, secondo la tradizione durata fino al 1959, quando i camion prima e i trattori agricoli dopo hanno soppiantato la forza delle braccia: il quadro biblico ha raffigurato il pastore che lascia le 99 pecorelle per cercare quella smarrita.
Terminata la sfilata, tutti a pranzo allo stand gastronomico, in attesa della processione prevista nel pomeriggio in onore della Madonna del Rifugio, nella cui cappelletta, distrutta dall'ultima guerra mondiale, nacque il primo Talamo. In serata il programma prevede, al Teatro comunale, il concerto del coro "Ernani Tiberini" di Gessopalena.
L'appuntamento è ora per Ferragosto, quando i Talami sfileranno in piazza Mazzini nella cornice notturna durante le festività in onore di San Rocco.

 


Due ragazzi nel giardino dell'Eden sono stati i personaggi del primo Talamo, "Dio crea l'uomo e la donna", realizzato da Gianni D'Alleva, Maria D'Alleva e Antonio Di Girolamo.



I ragazzi della Scuola media "Raffaele Paolucci" di Orsogna hanno animato il secondo Talamo, "Il passaggio del Mar Rosso", curato dagli stessi studenti e insegnanti dell'Istituto.





 "La tavola della legge e gli oggetti del culto", il patto di amore e di alleanza affidato da Dio a Mosé, è il Terzo Talamo interpretato dal Gruppo Scout Orsogna, che ha realizzato anche scenario e scenografia.



Il quarto Talamo, realizzato dalla stessa Associazione culturale Talami presieduta da Livia Ceccarossi, ha proposto il passo del Vangelo di Luca nel quale l'angelo Gabriele fa "l'annuncio a Maria".




Una rilettura moderna e quasi spericolata è stata la parabola del "Buon samaritano" proposta da Maria Antonietta Zumbo nel quinto Talamo, con una scenografia ambientata ai giorni nostri: una ragazza parla con indifferenza al cellulare, altri due parlottano davanti a un bar, mentre un giovane aiuta una persona ferita a terra.



Molti applausi per il sesto Talamo, curato da Paolo Di Scipio, che in un quadro ricco di simboli narra "La deposizione" di Gesù Cristo, il cui corpo viene avvolto in bende di lino.





 Come ogni anno, il Talamo più atteso è stato il settimo, trasportato a spalla dal locale Gruppo Alpini, secondo la tradizione durata fino al 1959, quando i camion prima e i trattori agricoli dopo hanno soppiantato la forza delle braccia: il quadro biblico ha raffigurato il pastore che lascia le 99 pecorelle per cercare quella smarrita.


 


Lo speciale annullo filatelico realizzato da Poste italiane per l'edizione 2006 dei Talami.


19/04/2006 8.13