Leila esce e dichiara: «non sono un trans»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2330

LE REAZIONI DEL WEB AL TOTO-TRANS


LE REAZIONI DEL WEB AL TOTO-TRANS

Leila non ce la fa a superare la nomination ed ha abbandonato, ieri sera, la casa del Grande Fratello, così come ha deciso il 33% degli spettatori.
Arrivata in studio, tra l'imbarazzo (quanto calcolato?) della conduttrice Alessia Marcuzzi le viene raccontato anche il “pettegolezzo” che da diverse settimane la vede protagonista.
«Preferisco dirtelo io, prima che tu ne venga investita una volta fuori da questo programma», le sussurra la Marcuzzi con le guance arrossate e un velo di ipocrisia di chi sa quanto valga sviscerare l'argomento in prima serata.
Così, parte la clip di Platinette più volte trasmessa anche a Striscia la notizia, il fuori onda in cui dice: «Quando si accorgeranno che quella lì è un trans?».
Si torna in studio tra lo sbigottimento della mamma di Leila, che non proferisce verbo, la risatina isterica della partecipante al reality e l'imbarazzo della Marcuzzi che dimostra di riuscire a reggere meglio il confronto con il “Bifidus Essensis” piuttosto che con la bella tunisina.
«Lo so che una volta entrati nel mondo dello spettacolo», inizia la presentatrice, «i pettegolezzi su una bella ragazza come te possono nascere normali». Ma siamo davvero sicuri che sia tutto “così normale”?
Piano piano la chiacchiera del momento (che investe da settimane web, tv e giornali), si sgonfia in una diceria tra amici, e Leila non riesce nemmeno ad intuire che tutta Italia pensa realmente che lei sia un trans.
«Mi dispiace deludere Platinette», risponde Leila, senza perdere il sorriso, «non sono un trans».
«Vuoi tranquillizzare tua mamma?», le domanda la Marcuzzi, che ormai non sa più che dire.
Tranquillizzare la mamma? In ogni caso pensiamo che non ve ne sia bisogno.
«Mamma», risponde la concorrente, «mi hai fatta tu, chi meglio di te può sapere…»

Momento di alto livello televisivo, non c'è che dire.
Qualche milione di telespettatori in attesa dell'outing più atteso, che in realtà non c'è stato.
Una bufala che si è sgonfiata, forse, nel momento in cui, secondo i copioni mediatici più spregiudicati, doveva cavalcare l' onda più alta, quella della diretta, anzi “del bello della diretta”.
Domenica pomeriggio Platinette e Leila si incontreranno nel ring televisivo di Costanzo e c'è da giurarci che la provocatrice dirà che non si riferiva a lei, per continuare così il mistero e deviare l'attenzione sui superstiti del televoto. Oppure sarà proprio la “macchina della verità” a gettare nuova benzina sul fuoco e riaprire il caso.
Di sicuro con la protagonista (che visto il successo di sicuro farà strada) “a piede libero” la ressa di giornalisti a caccia di rivelazioni e prove sarà serrata.

Indenni, sicuramente, dal toto trans le due nuove donne arrivate nella casa, Patrizia 39 anni ed Eleonora 20.
Mamma e figlia non dovranno svelare la loro parentela fino alla prossima settima.
Patrizia si dice felicemente single dopo due matrimoni naufragati. Diplomata in lingue, lavora come consulente matrimoniale.
«Il mio tempo libero, racconta, lo occupo facendo shopping con mia figlia e chattando su internet per fare nuove conoscenze». Patrizia si definisce intelligente, ironica, affascinante, estroversa e solare. Questo suo carattere allegro è venuto fuori dopo i 13 anni perchè prima di allora, a causa del suo aspetto estetico, era sempre triste e con il broncio.
«Mi sentivo un piccolo mostriciattolo e mi vestivano sempre da maschietto», spiega. Fino a tre mesi fa viveva con la figlia, ora è sola e nonostante due matrimoni finiti male ha voglia di innamorarsi e di risposarsi «magari per sempre». Partecipa a Gf perchè – non lo nega - vorrebbe diventare una brava conduttrice. La figlia Eleonora invece vive a Milano con tre amiche. Ha frequentato il liceo artistico e ora lavora come commessa in un negozio di abbigliamento e come stilista presso un'azienda. Crea e confeziona abiti da sola. Si diverte a coniare parole nuove. È fidanzata da un anno con un dj di nome Marco. Partecipa a Gf perchè sogna di diventare una stilista famosa.

Intanto su ebay è cominciata l'asta dei due quadri dei Tapini e dei Nababbi il cui ricavato sarà destinato al progetto “La Fabbrica del sorriso”.

Guarda quadro Tapini
 
Guarda quadro Nababbi  
Alessandra Lotti 17/02/2006 9.56