La "Bisbetica domata" con Tullio Solenghi giovedì a Teramo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

950

Si apre il 2006 a teatro, per la Stagione di prosa della Società della Musica e del Teatro Primo Ricitelli con lo spettacolo "La bisbetica domata" di William Shakespeare, con Tullio Solenghi. Appuntamento giovedì 12 gennaio, alle 2, al Teatro Comunale di Teramo.

Si è soliti collocare "La bisbetica domata" fra le commedie shakespeariane dove il gusto per il gioco letterario è ben più importante del contenuto o della psicologia dei personaggi.
Certamente la storia dell'irascibile Caterina e dell'arrivista Petruccio si colloca direttamente sotto questo segno di leggerezza e vacuità: i fraintendimenti, lo scambio di ruoli, i dialoghi serrati acquistano così maggior peso delle vicende narrate, la forma ha le meglio sul contenuto, il significante sul significato.
L'allestimento del regista Matteo Tarasco è stato detto da più parti che tenta di estremizzare l'impostazione che già Shakespeare volle dare al suo testo. Un fragile equilibrio fra antico e moderno. Ancvhe le figure femminili sono interpretate da attori uomini. Altro elemento filogicamente ripreso dalla commedia elisabettiana è l'idea di un teatro a metà fra la rappresentazione e il circo.
Questa idea di teatro collettivo, spettacolare, magico, trova una sua moderna applicazione nella creazione di un grande spettacolo circense con tanto di nani, acrobati e clowns. Ma mentre si riprendono tradizioni antiche del teatro il regista ha anche voluto inserire note moderne. Qualche battuta tagliata, altre rese più attuali, un paio di pistole estratte all'ultimo momento, qualche canzone dei nostri giorni. E se a qualcuno uno spettacolo così impostato può apparire strano vedrà invece un superbo Tullio Solenghi, ora semplice e ingenuo Petruccio, ora crudele marito di Caterina. Solenghi porta avanti con sicurezza e abilità il suo ruolo, riuscendo a conferire a un personaggio così poco caratterizzato una sua fisionomia complessa.
La bisbetica domata, da subito apprezzata nel mondo del teatro, ha ricevuto spesso le attenzioni del cinema. Varie le versioni passate sul grande schermo. Indimenticabile resta quella diretta da Franco Zeffirelli con Elizabeth Taylor e Richard Burton. Nel 1953 divenne anche un musical portato al successo da George Sidney con il suo Baciami, Kate.

La bisbetica domata
Di William Shakespeare
Con Tullio Solinghi
Regia di Matteo Tarasco
10/01/2006 13.27