Concerto d’Epifania ad Atri il 7 gennaio 2006

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1206

Il Comune di Atri e la Filarmonica di Moscufo presentano il Concerto d'Epifania.
Nella cornice del Teatro Comunale di Atri, il 7 gennaio a partire dalle ore 21 la Filarmonica di Moscufo diretta dal Maestro Luciano Ferri, con il contributo di Renzo Gallerati al pianoforte e Gianni Scannella alla fisarmonica e la straordinaria partecipazione del tenore Nunzio Fazzini.
La Filarmonica di Moscufo è un gruppo orchestrale di 27 elementi che suonano solo strumenti a plettro (mandolini, mandole, chitarre), a cui si aggiungono altri strumenti quali contrabbasso, cassa, piatti e tamburo per le sezioni ritmiche, pianoforte e fisarmonica; ha sinora eseguito con successo numerosi concerti (esattamente 274 esibizioni dal 1979) sotto la direzione del M° Luciano Ferri.
Il repertorio sinora realizzato comprende arie celebri che vanno dal classico al folcloristico, al moderno, alla musica sacra: in programma per il concerto d'Epifania brani quali ‘Primavera', ‘Non ti scordar di me', ‘Concerto n. 21 in do magg. per piano ed orchestra' di Mozart, ‘Fantasia di successi sudamericani', ‘Parlami d'amore, Mariù', ‘Musica proibita', ‘Te voje bene assaje', ‘Voce ‘e notte', ‘L'ebbrezza di un valzer', ‘a vucchella', ‘Tu can nun chiagne', ‘Tu che m'hai preso il cuor', ‘Torna a Surriento'.
«Vogliamo sperare», ha detto il presidente Pierluigi Agresta, «che la musica sprigionata da questi strumenti a plettro induca a prendere sul serio il mandolino. Cancelliamo gli scontati luoghi comuni sul mandolino e promoviamo questo strumento anche al rango di solista, come merita. Basti sapere che Vivaldi, Mozart, Beethoven lo apprezzarono; se ne ricordarono Verdi (in “Otello”e ne “I Vespri Siciliani”), più tardi Mahler nelle sue sinfonie e poi Stravinskij, Schonberg, solo per citarne alcuni».
04/01/2006 9.58