Le "Cronache di Narnia" e i "Vizi di famiglia": Gere, Aniston Costner al Cinema

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1825

Dopo il weekend scorso, che ha visto l'uscita di grossi calibri nelle sale italiane, si annuncia un fine settimana decisamente più soft, ma non per questo negativo.
Il venerdì cinematografico che precede il Natale è stato anticipato mercoledì 21, con l'uscita dell'attesissimo “Le cronache di Narnia: il leone, la strega e l'armadio”, pellicola fantastica e d'avventura firmata da Andrew Adamson, tratta dal famoso libro (recensione qui) di Lewis Clive S., dalla trama tanto topos quanto intrigante: “Inghilterra, II guerra mondiale. I quattro fratelli Pevensie: Lucy, Edmund, Susan e Peter, entrano per caso nel mondo di Narnia, passando attraverso un armadio magico mentre stanno giocando a nascondino nella casa in campagna di un anziano professore. A Narnia i bambini scoprono una terra affascinante e pacifica, abitata da animali parlanti, nani, fauni, centauri e giganti, tuttavia, questo mondo fatato è minacciato dall'eterno inverno scatenato dalla malvagia Strega Bianca Jadis. Guidati dal nobile e mistico leone Aslan, i bambini…” ( testo da filmup.com;recensione del film).
Accanto alla combriccola fantasy, ecco un caposaldo di Hollywood: torna Richard Gere ( in compagnia della Binoche ) in un lavoro cinematografico di Scott McGehee e David Siegel,
“Parole d'amore”: una crisi di famiglia in peina
regola con una madre emotivamente fragile e un padre nella disperata fuga dalla monotonia (una buona recensione).
I film da segnalare si concludono con “Vizi di famiglia” (http://www.vizidifamiglia.it/ ), commedia senza pretese firmata da Rob Reiner, con Kevin Costner e Jennifer Aniston,
dalla trama già studiata: sul punto di sposarsi, una donna torna nella città natale per riflettere sulla propria vita e sul proprio passato, intimorita dal passo del matrimonio (trama, cast, curiosità…). Un weekend che si preannuncia come una validissima occasione di recuperare quanto perso dallo scorso che aveva sfornato così tante pellicole attese.


Ernesto Valerio 22/12/2005  9.33