Stasera il nuovo programma di Paolo Bonolis, sarà ancora da "serie A"?

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3424

Con le spalle al muro. Dev'essere questa la sensazione che accompagnerà Bonolis nel suo secondo debutto in casa Mediaset
per questa stagione: inizia infatti stasera, in seconda serata su Canale5, “Il
senso della vita” ( una buona presentazione la si trova
qui
). E c'è anche il sito ufficiale www.ilsensodellavita.tv.
Il palinsesto del biscione lo inserisce in quella che è una fascia storica, dalle 23.15, quella che fu di Costanzo per anni, volutamente abbandonata lo scorso anno. Bonolis avrà diversi partner, come il fedele Luca Laurenti e Massimo Fini, che sarà ospite fisso. Fini fu al centro, tempo fa, di una delicata vicenda, quando denunciò la censura del programma “Cyrano”, che si apprestava a condurre; parlò a suo tempo di” veti politici e aziendali, di ambiente berlusconiano”. Ospiti fissi anche la coppia jazz Nicky Nicolai e Stefano Di Battista ( con lui anche a Sanremo ); di puntata in puntata invece si alterneranno comici: si parte questa sera con Flavio Origlio.
Quello che ci apprestiamo a vedere sarà un Bonolis bicefalo, con la sua anima goliardica ( che di recente gli ha creato più di un grattacapo con “Serie A” ) che si alterna a quella più riflessiva e seria: infatti grandi protagoniste delle puntate saranno le interviste a personaggi di spicco, a prtire da Michele Placido.
A dialogo con Fiorello ( nel programma radio di quest'ultimo, “Viva Radio2” ), il Paolo nazionale ha spiegato un po' la struttura di queste interviste, definendole “diverse dal consueto”, in quanto non ci saranno “domande, lo spunto saranno delle immagini e l'ospite dovrà dire quello che sente”, basandosi su personaggi ( come Placido ) conosciuti per quello che hanno fatto e dato, ma non per i loro pensieri più profondi. In definitiva, per Bonolis le interviste avranno “l'onere di giocare con gli aspetti curiosi e grossolani della vita ma anche di coglierne altri che […] dimostrano che non è poi tutto da buttare via". Tra gli ospiti futuri già sicuri, Veltroni e Renato Zero ( seconda e terza puntata ); più in là invece Michel Houellebecq ( autore de “Le particelle elementari” ) e Gore Vidal.

È sembrato sicuro e per nulla pentito Bonolis del suo ultimo fallimento calcistico, anzi ribadendo (sempre da Fiorello ) che comunque avrebbe dovuto abbandonare “Serie A” per condurre questo nuovo programma, e nel ricambiare i saluti a Mentana ( che lo aveva affettuosamente salutato in trasmissione domenica scorsa ), ne sottolinea la bravura e l'adeguatezza al compito.
Sembra tornato il vecchio Bonolis, quello della divulgazione popolare tramite il mezzo tv, con il tono populista e non accademico che tanto gli ha dato negli scorsi anni, mischiando abilmente comicità, senso dell'umorismo e argomenti attuali e profondi. Di certo non si rischia un effetto-Celentano, ma la trasmissione promette quantomeno di destare curiosità.
Ernesto Valerio 24/11/2005 10.23