Arriva Mentana e "Serie A" diventa un altro programma

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1167

ROMA. Soddisfano anche i dati Auditel con oltre 5 milioni di spettatori, molti di più della versione di Bonolis
Detto, fatto: Mentana modella il suo “Serie A” a immagine e somiglianza del vecchio 90° minuto, come tutti avevano sperato e richiesto a gran voce ( anche PrimaDaNoi.it ne aveva parlato qui
e qui).
Senza fronzoli comici o simil-letterari, ecco il Mentana giornalista che, sobrio e seduto, commenta brevemente la giornata calcistica e mostra agli sportivi uno dopo l'altro i gol della domenica e del sabato.
Quasi asettico, poco trasparente come se fosse alla guida del suo caro e indimenticato Tg5.
Il buon Enrico non ha neanche dimenticato Bonolis, salutandolo come “amico” a inizio trasmissione, con l'augurio per il futuro prossimo (che sarà giovedì, in seconda serata con “Il senso della vita”).
Anche il tono e il lessico tendono a sottolineare il nuovo corso del programma, quando Mentana ripete più volte “velocemente passiamo”, “ecco velocemente invece i…”, oppure “iniziamo come doveroso dai risultati e dalle classifiche”, definite “ciò che interessa ai tifosi”.
Il tutto condito da altrettanto probi e statuari ospiti come Beccantini e Serena.
L'appellativo tipico del buon Enrico è “Mitraglia”, e si rispecchia benissimo nella sua prima conduzione calcistica, dove arriva tutto d'un fiato ( eccezion fatta per le soste, doverose, della pubblicità ) fino alle 19, quando presenta il posticipo della sua cara Inter.
Che dire, è stata davvero una svolta, un altro programma per tutto ed in tutto.
E sono soddisfacenti anche i dati Auditel, (oltre 5 milioni di spettatori, più del suo predecessore) numeri che sembrano, almeno per il momento dare ragione alla sostituzione in corsa del presentatore originariamente designato.
Ma nel cuore e nello spirito dei tifosi/spettatori il tutto è stato ampiamente gradito, almeno sentendo i primi commenti al suo lavoro durante il caffè del lunedì mattina, dove il pallone è commento d'obbligo.
Ernesto Valerio 21/11/2005 11.42