Paolo Ferrari-Pereira a Teramo domani 16 novembre

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1627

Paolo Ferrari inaugura la Stagione di Prosa della Primo Riccitelli Grande attesa per la prima della Stagione di Prosa organizzata dalla Società della Musica e del Teatro Primo Riccitelli.
Ad esibirsi domani sera, mercoledì 16 novembre alle ore 21 sul palcoscenico del Teatro Comunale di Teramo sarà il noto attore Paolo Ferrari con lo spettacolo “Sostiene Pereira”, tratto dal libro di Antonio Tabucchi.
L'evocazione di una deposizione raccontata. Quella di un uomo, Pereira. Vari piani temporali che si intersecano in un'atmosfera kafkiana.
Pereira è "un personaggio in cerca d'autore" che in questo caso elegge il teatro a luogo per rivivere il suo percorso, un percorso fatto malgrado se stesso, di cui ancora ignora le motivazioni.
Deus ex machina di questa evocazione rituale è il personaggio dello Sconosciuto, un misterioso detective chiamato da un tribunale non ben identificato a ricostituire i fatti.
Di come Pereira, un piccolo omettino responsabile della pagina culturale del Lisboa, si trovò in piena dittatura salazarista coinvolto, apparentemente per caso, in una situazione più grande di lui.
Di come l'incontro con un giovane impegnato politicamente e la sua fidanzata, riuscirà a spalancargli un universo finora inesplorato: il campo della responsabilità e molto altro ancora, quello della possibilità di una vita diversa.
Nasce così per il personaggio di Pereira, una nuova visione degli eventi, e gli eventi stessi si avvicenderanno rapidamente investendolo di una nuova pregnanza, grazie anche al suo rapporto con il Dottor Cardoso pseudo psicanalista illuminato.
Nella penombra di una coscienza ancora imprecisa e vaga affiorano i messaggi dei personaggi incontrati che come fasci di luce lancinanti divengono di volta in volta interlocutori dell'io più profondo del protagonista.
Nel corso della vicenda il percorso del protagonista assume forma e sostanza al ritmo della struggente e commovente umanità di un uomo qualunque che, nella sua ingenua e anche ottusa attitudine di interpretazione del mondo, subisce una svolta morale profonda che gli permette di diventare diverso. Migliore. In qualche modo un uomo.


SOSTIENE PEREIRA
di Antonio Tabucchi
versione teatrale di Gianni Guardagli e Teresa Pedroni

con Marcello Donati, Elena Ferrari, Gianluigi Fogacci, Amandio Pinheiro, Gianluigi Pizzetti, Stefano Scherini scene Alessandro Chiti costumi Roberto Posse musiche Adriano Maria Vitali luci Silvano Paglia movimenti coreografici Mariano Brancaccio regia Teresa Pedroni