Consegnato L’Ovidio d’argento a George Clooney

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7669

Consegnato L’Ovidio d’argento a George Clooney



SULMONA. Ieri mattina una delegazione ristretta di Sulmonacinema Film Festival ha consegnato l'Ovidio d'argento alla carriera a George Clooney, direttamente sul set di “L'Americano”, attualmente situato a Castel del Monte nell'Abruzzo.
Per il festival ha consegnato il premio Valentina Carnelutti, attrice e sceneggiatrice nella veste di presidente della giuria.
L'attore e regista ha accolto con charme e umorismo il premio a lui dedicato con la seguente motivazione: “A George Timothy Clooney, attore, sceneggiatore, regista e produttore che, tra Metamorfosi e Ars Amatoria, è diventato non solo un intellettuale da combattimento ma anche l'ultima “sophisticated star” del cinema mondiale. Il XXVII Sulmonacinema Film Festival con gratitudine e stima”.
In serata è stato proiettato il grande film da lui diretto (Good night and good luck, presentato a Venezia nel 2005), che si basa sulla storia vera del giornalista Edward R. Murrow che nel 1953, mentre la televisione sta iniziando a imporsi all'attenzione del pubblico, conduce il notiziario See It Now sulla CBS e il talk-show Person to Person di grande successo.
Edward si sente però più a suo agio nei panni del cronista immerso nel ticchettare delle macchine da scrivere… Aveva detto del film a suo tempo lo stesso Clooney: «Mio padre è stato un giornalista per trent'anni e sono cresciuto credendo nell'importanza dei cronisti di informare il pubblico e ritenere i potenti responsabili. Mio padre ha basato la sua carriera su questo valore, che è l'elemento più importante del giornalismo televisivo. Mi auguro, con questo film, di aver trattato i giornalisti coraggiosi come meritano. Erano veri patrioti e pertanto dovrebbero essere ricordati come tali».

10/11/2009 14.27