Casa Onna, una primavera di spettacoli

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7283

ONNA. È stata presentata nel centro civico e sala multifunzuionale di Onna la rassegna di teatro cinema e musica Casa Onna 2011, perfetto esempio di collaborazione tra le varie istituzioni aquilane per proporre un cartellone di tutto rispetto in questa nuova e preziosa struttura donata dal governo tedesco.

Questi in sintesi gli eventi che animeranno la primavera: Po(e)tage Surprise, spettacolo proposto da Teatro Stabile d’Abruzzo, è la scelta fatta di un percorso nella poesia, - La poesia è a basso costo- scherza Ratti – si può fare ovunque, non necessita di scene, né di costumi. Per la poesia bastano le anime. Ognuno di noi possiede una propria biblioteca mentale organizzata secondo criteri personali che rispondono a logiche quasi mai comprensibili per gli altri, come si racconta il percorso privato che ognuno di noi ha compiuto nella storia della letteratura mondiale? Ci prova Giancarlo Ratti che, come in una ipotetica “notte bianca” a Casa Onna, fa scorrere il flusso delle sue emozioni legate agli autori che per lui hanno un significato.

Un attore, quindi, i suoi pensieri, gli anedotti divertenti ed una “carta dei poeti” selezionati in base al valore che Ratti gli attribuisce, per semplicità messi in ordine alfabetico: da Cecco Angiolieri, ad Erri De Luca, ad Emily Dickinson, Fortini, Govoni, fino ad arrivare ad Andrea Zanzotto, con leggerezza ed ilarità.

L’altro evento proposto dal Teatro Stabile d’Abruzzo è Casa Dolce casa di e con Carlo Onado, un monologo comico di un antieroe borghese. Solo in casa, aspettando il rientro della moglie “gravemente incinta”, un padre di famiglia fedele racconta le quotidiane fatiche di chi ha scelto di seguire un percorso tradizionale: lavoro fisso, casa, famiglia. Un Don Chisciotte contemporaneo, circondato da vicini invadenti, che sfida le tempeste di una moglie in gravidanza, seguendola fino all’interno della sala parto, per risorgere, infine in una nube di pannolini.

Il Conservatorio “A. Casella” animerà Casa Onna con i concerti degli allievi: valorizzare le potenzialità dei giovani come risorsa fondamentale per un futuro che veda la crescita culturale come bene comune, sperimentare azioni combinate capaci di valorizzare il patrimonio istituzionale, umano e culturale di cui si dispone, ricercare nuove forme di collaborazione istituzionali, mettere in ‘RelAzione’ le istituzioni che sono deputate alla formazione dei giovani, è da sempre l’obiettivo perseguito dal Conservatorio.

Le tre regole della vita è un cortometraggio realizzato da ragazzi adolescenti all’interno del laboratorio di cortometraggio e dell’iniziativa “E-state con noi”, promossa da Amici dei Bambini in collaborazione con l‘Azienda Chicco e le Suore della Presentazione di Maria Santissima al Tempio a Onna. Nella realizzazione del cortometraggio i ragazzi sono stati diretti dai registi Stefano Saverioni, Nomination David di Donatello 2009, e Marco Chiarini, Nomination David di Donatello 2010, con la collaborazione del Cineforum di Teramo. L’iniziativa è stata patrocinata dalla Curia Arcivescovile dell’Aquila, dalla Onna ONLUS e dalla pro Loco di Onna.

Onna ‘44 ripercorre gli eventi collegati all’eccidio dell’11 giugno 1944, avvenuto nel paese di Onna (L’Aquila) durante la seconda guerra mondiale. Il cortometraggio, prodotto dall’Accademia dell’Immagine è tratto dal volume “Indagini su un massacro. La strage nazista di Onna” (di Aldo Scimia e Giustino Parisse) ed è girato interamente in Alta Definizione.

La supervisione al video è dei docenti dell’Accademia dell’Immagine: Franco Lazzaretti (Regia, sceneggiatura, fotografia, montaggio) e Gianluca Costamagna (Suono) che hanno coordinato il lavoro degli studenti della Scuola.

Il cortometraggio ripercorre gli eventi collegati all’eccidio dell’11 giugno 1944, avvenuto nel paese di Onna (L’Aquila) durante la seconda guerra mondiale.

L’Istituto Cinematografico La Lanterna Magica propone un piccolo excursus nella Commedia all’Italiana per la sua capacità di divertire e di far riflettere: non a caso due dei tre film proposti “La banda degli onesti” e “Una vita difficile” raccontano in maniera superba di una “Rinascita”, della ricostruzione dell’Italia del dopoguerra. L’altro film proposto è “L’ingorgo” ispirato a un racconto di Julio Cortázar. Un ingorgo sull'autostrada blocca per 36 ore centinaia di automobili. Un evento eccezionale per raccontare incontri, amicizie, conflitti, litigi, tradimenti. Sullo sfondo risvolti di sociologia e ipotesi di catastrofe ecologica,

15/03/2011 15.34