Abruzzo e Marche unite con la filarmonica dell'Adriatico

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8004

L'AQUILA. Un'orchestra di cento elementi per un'offerta qualificata e di qualità, frutto dell'esperienza e della professionalità di due istituzioni musicali di livello nazionale quali l'Isa abruzzese e la Form marchigiana.

È con queste premesse che è nata l'Orchestra della Filarmonica dell'Adriatico presentata stamane dall'assessore alle Politiche culturali, Luigi De Fanis, dal presidente dell'Isa (Istituzione sinfonica abruzzese), Antonio Centi, dal suo direttore artistico, Ettore Pellegrino, e dal dirigente del servizio Politiche culturali, Paola Di Salvatore.

L'Orchestra filarmonica dell'Adriatico nasce da un progetto dell'Isa e della Form (Fondazione orchestra filarmonica marchigiana) e debutterà il prossimo 11 marzo al teatro "Basso" di Ascoli Piceno per poi proseguire il suo brevissimo tour all'Aquila, il 12 marzo, all'auditorium della Guardia di Finanza, e a Fabriano, il 13.

«E' un progetto ambizioso - ha spiegato l'assessore De Fanis - che mette in campo le migliori professionalità abruzzesi e marchigiane in un campo che è stato sempre motivo di orgoglio per la nostra cultura. La Filarmonica dell'Adriatico - ha aggiunto l'assessore - allarga gli orizzonti culturali delle due regioni, ma soprattutto si pone in ambito nazionale come un'offerta di grande qualità in grado di recitare un ruolo primo piano».

Lo stesso assessore De Fanis ha confermato «tutta l'attenzione necessaria alla nuova istituzione musicale, anche se - ha precisato - tutti sanno le difficoltà finanziarie che sta vivendo la Regione Abruzzo che condizionano la programmazione culturale».

Di «operazione di grande rilevanza», ha parlato il presidente dell'Isa, Antonio Centi, «operazione che conferma la strategia di ampio respiro che intende perseguire la Regione Abruzzo. Con un'orchestra di queste dimensioni ci poniamo in testa all'offerta sinfonica in Italia centrale, con prospettive di promozione anche fuori Italia e soprattutto nell'area dell'Est Europa».

08/03/2011 17.27