Gabrielle Cirilli strappa un sorriso per i bambini di pediatria di Lanciano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7780

LANCIANO. Sorrisi e risate per i bambini del reparto di Pediatria dell’ospedale di Lanciano.

L’Associazione “Gli Amici del Renzetti Onlus” organizza infatti per mercoledì 16 febbraio alle ore 21 presso il Teatro Fenaroli di Lanciano uno spettacolo di beneficenza a favore del Reparto di Pediatria di Lanciano.

Sul palcoscenico il campione della comicità abruzzese, il poliedrico artista Gabriele Cirilli, cabarettista originario di Sulmona ed attore di successo in trasmissioni “cult” come Zelig e in fiction come “Un medico in famiglia”.

L’incasso della serata sarà utilizzato per contribuire all’acquisto del Test del sudore, attrezzatura indispensabile per la diagnosi precoce della Fibrosi Cistica e per promuovere la donazione del proprio 5 per mille nella prossima dichiarazione dei redditi all’Associazione Gli Amici del Renzetti Onlus.
I biglietti costano 15 euro e possono essere acquistati in prevendita presso la biglietteria all’interno del Teatro Fenaroli dalle 16.30 alle 19.30.
Un test del sudore per la diagnosi precoce della fibrosi cistica nei bambini è stato già donato al reparto di Pediatria del Renzetti.

L'acquisto del macchinario, che è costato circa diecimila euro, è stato annunciato qualche giorno fa durante una conferenza stampa alla quale ha preso parte, oltre al presidente dell’associazione Pino Valente, anche il primario del reparto Valerio Flacco.
La strumentazione sarà funzionante entro fine mese, ed è stata acquistata grazie soprattutto alle donazioni arrivate dal 5 per mille.

Il test del sudore permetterà di individuare precocemente una malattia che colpisce ogni anno circa duecento persone in Italia, e i cui effetti possono essere attenuati proprio grazie alla diagnosi precoce.
Nel corso della conferenza stampa il primario Flacco ha denunciato un altro problema del Renzetti, carente sotto molti aspetti rispetto alla strumentazione di diagnosi e cura.

Allo stato attuale, per esempio, ci sono soltanto due incubatrici funzionanti delle sei in dotazione, nonostante continue e pressanti richiesta dei responsabili del reparto alla Asl di Lanciano-Chieti-Vasto.

15/02/2011 9.20