Miss Italia, quattro reginette in Abruzzo per un solo scettro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

10457

Miss Italia, quattro reginette in Abruzzo per un solo scettro

ABRUZZO. Sono 4 le ragazze che rappresenteranno la bellezza abruzzese al prossimo concorso Miss Italia (Rai 1 dall'11 al 13 settembre).

Tra queste, però, una avrà la fascia di Miss Marche e un'altra, Miss Deborah Abruzzo, in realtà è nata e vive a Como. «Miss Italia sarà il simbolo del nostro Paese nelle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia, con il suggello della presidenza del Consiglio», ha già annunciato Patrizia Mirigliani, patron del concorso. La vincitrice di quest'anno, quindi, oltre alla classica corona dello sponsor sarà incoronata con un'altra corona 'turrita', che simboleggia l'Italia. E sarà quella che Miss Italia indosserà ogni qual volta dovrà partecipare a eventi ufficiali inerenti alle celebrazioni del centocinquantenario dell'Unità d'Italia.

La prima miss in gara per l'Abruzzo si chiama Laura Vernizzi (numero 4, fascia di Miss Deborah Milano Abruzzo)

È nata a Como, dove vive e compirà 25 anni proprio nei giorni del concorso. È una ginnasta italiana di grande livello: ha iniziato infatti a praticare questo sport a sei anni. È entrata nel giro della nazionale azzurra alla fine del 2003, esordendo a livello internazionale nella gara pre-olimpica di Atene nel 2004. Ha vinto la medaglia d'argento nel concorso a squadre alle Olimpiadi di Atene nel 2004 e la medaglia d'oro a squadre ai Campionati Mondiali di ginnastica ritmica di Baku (Azerbaijan), nel 2005. Laura è figlia unica ed è la soddisfazione di mamma Antonella e papà Luciano, entrambi impiegati. «Il mio obiettivo più grande l'ho già raggiunto – dice Laura – ed è stato partecipare alle Olimpiadi di Atene nel 2004. Sono ambiziosa nel senso positivo del termine: mi piace mettermi sempre in gioco!».
Proprio per questa sua voglia di non fermarsi mai, spera di trovare un posto nel mondo dello spettacolo, come ballerina, per continuare a portare avanti la sua passione.
Alla domanda perché dovrebbe essere lei la prossima Miss Italia, Laura risponde: «Perché penso di avere qualcosa in più da insegnare e raccontare. Ho iniziato a girare il mondo quando avevo solo 13 anni. Ho conosciuto posti in Europa dove la fame e la miseria fanno da padrone. La vita è una sola e mi piacerebbe poter raccontare la mia».

 

Seconda ragazza in gara Gloria Castrataro (numero 52, fascia di Miss Abruzzo), 18 anni di Pescara, dove vive.

E' studentessa all'ultimo anno del liceo scientifico, in futuro vuole iscriversi all'università di Scienze Politiche o Lingue per intraprendere poi la carriera diplomatica e lavorare all'estero, in particolar modo a Parigi, dove ha vissuto già tre anni per il lavoro del papà.
Oltre all'Europa, Gloria ha vissuto tre anni negli Stati Uniti, a Washington.
Il papà Francesco è militare, la mamma Rosa è impiegata comunale. Ha due sorelle di nome Marianna e Francesca (di 34 e 32 anni). Sono stati grandi i festeggiamenti dopo la vittoria della fascia regionale. Nel mondo dello spettacolo le piacerebbe intraprendere un percorso nel settore cinematografico o della moda. «Mi piacerebbe – rivela – diventare testimonial di un marchio prestigioso. Vincere, poi, significherebbe far sì che molte ragazze possano identificarsi in me, per la sincerità, l'indipendenza e i valori tutti che racchiudo e che trasmetto».

Terza ragazza in gara la numero 59 Giulia Di Quinzio  (Miss Miluna Abruzzo).

18 anni è nata a Pescara ma vive a Francavilla al Mare. Vorrebbe intraprendere la carriera militare e in particolar modo lavorare nel campo della finanza, ma tra i suoi sogni nel cassetto c'è anche quello di lavorare come indossatrice. Appassionata di romanzi, talvolta ama leggere anche saggi di psicologia. La mamma Marilena è impiegata, come il papà Mario. Ha una sorella, Martina di 22 anni. Il suo colore preferito è il bianco, il suo stile è casual. Predilige un tipo di abbigliamento comodo nella quotidianità, e le sue calzature preferite sono le scarpe da ginnastica. «Diventare Miss Italia significherebbe per me coronare un sogno non fine a se stesso. Sono tante le occasioni lavorative che il titolo può offrire, a mio parere. Credo di avere la grinta e la determinazione giusta per affrontare quest'avventura», dice Giulia.

 L’avventura di Gloria Castrataro e Giulia Di Quinzio inizia un po’ per caso con un annuncio su Facebook.

«Verso i primi di marzo ho messo un annuncio su Facebook», ha spiegato il fotografo marsicano, Antonio Oddi, di cui pubblichiamo alcuni scatti, « cercavo ragazze per le iscrizioni a Miss Italia Abruzzo. Gloria e Giulia hanno accettato di partecipare. Chiaramente già dalle foto si vedeva che erano due belle  ragazze e qundi ci siamo incontrati ad Avezzano e abbiamo scattato qualche foto ad Alba Fucens. Cosi è nata la partecipazione a Miss Italia».

 

Non ha una fascia dell'Abruzzo, ma è abruzzese doc, invece Maria Chiara Centorami (numero 24, fascia Miss Marche)

Maria Chiara è nata a Vasto, dove vive, e ha 20 anni. Studentessa di Economia alla Sapienza di Roma, si divide tra il Lazio e l'Abruzzo. A Roma si trova molto bene: «E' un museo a cielo aperto», dice. Appassionata di cinema, pensa che la Capitale sia un archivio storico di eventi e personaggi.
Ha studiato per sei anni recitazione e danza a Vasto, in particolar modo si è specializzata nel settore del musical. Da 14 anni ha cominciato inoltre a lavorare come modella e fotomodella. La mamma Leonora fa l'insegnante, il patrigno Fabrizio è operaio. Maria Chiara ha una sorellastra di nome Camilla, di dieci anni. La sua famiglia è molto unita e l'ha sempre seguita nelle sue aspirazioni artistiche. Alla notizia dell'elezione di Maria Chiara Miss Marche, la mamma per esultare si è infortunata «E mia nonna non è stata da meno. Ha preso il colpo della strega. Insomma, una tragedia!», conclude divertita la miss.

 

07/09/2010 16.43