"One lady show" Mariangela Melato a Teramo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1486

TERAMO. Martedì 3 aprile alle ore 21 e mercoledì 4 alle ore 17.30 sarà Mariangela Melato la protagonista dell’ultimo appuntamento con la II Stagione di Prosa organizzata della Società della Musica e del Teatro “Primo Riccitelli”, una Mariangela Melato in una veste insolita e nuova, che torna al teatro musicale con uno spettacolo tutto suo: un One Lady Show.
Una parentesi allegra e leggera nel suo percorso teatrale, dove ci racconta storie, esegue monologhi teatrali, canta e balla. Racconta della sua Milano degli anni 60, del Bar Jamaica, degli inizi all'Accademia dei Filodrammatici, ma anche della Juliette Grecò, di Via San Marco, del mondo di Fo, Gaber, Jannacci, e dell'essere destinata a diventare la prima interprete del teatro drammatico italiano. Ci parla in maniera ironica dell'orgoglio di essere una donna che ha scelto di stare da sola nella vita, e da sola si presenta sul palco. Scegliendo di costruire uno spettacolo interamente intorno di sé, la Melato lo fa da par suo, mescolando i toni e gli stili, la tragedia con il musical, la commedia con la cronaca in diretta della realtà. Tutto condito con una personalissima ironia e declinato sul doppio filo della memoria e del più generoso impegno professionale.
Sola me ne vo… recita, canta e balla Mariangela Melato. Ma nel suo viaggio sul palcoscenico l'accompagnano il ricordo dei suoi amici e maestri di sempre, dei tanti spettacoli da lei interpretati, e soprattutto l'accompagna l'affetto del suo pubblico, il quale conserva memoria del suo libero trascorrere dal cinema alla televisione, per fare sempre ritorno all'amato teatro. Quel pubblico che da lei non è mai stato tradito e che l'ha seguita lungo un percorso artistico che l'ha vista passare senza soluzione di continuità dal teatro leggero alla tragedia classica, dal ruolo di una multicentenaria a quello di una bambina di nove anni, dalla brechtiana Madre Courage a una barocca e scalpitante Centaura, dall'allegria di Feydeau alle sofferenze interiori della Fedra di Racine. È questo suo poliedrico modo di essere attrice che Mariangela Melato porta con sé in uno spettacolo che fa ridere e dona grandi emozioni.

02/04/2007 11.10