Il pescarese Nicola Venieri presenta l’etichetta "NoPop"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1941

BOLOGNA. Nicola Venieri è notoper essere il fonico di Vasco Rossi, ma non tutti sanno che è di Pescara. In questi giorni è anche coinvolto in un progetto ideato dal produttore di Vasco, Guido Elmi, che ha recentemente fondato un’etichetta indipendente, la NoPop, il cui scopo principale è quello di andare a caccia di nuovi talenti, con una particolare attenzione dedicata ai giovani artisti che producono un modern-rock con testi in italiano dai contenuti significativi e con un sound scarno e innovativo.
Il primo disco targato NoPop, dal titolo “Bands – A New Adventure in Rock”, uscirà il 19 gennaio e sarà costituito da 14 brani suonati da diverse bands emergenti.
Il giorno prima, giovedì 18, Bologna ospiterà la presentazione di questa nuova coraggiosa iniziativa discografica.
L'appuntamento è dalle 13 alle 15 presso l'Aula 5 della Facoltà di Lettere, in via Zamboni 38. L'incontro si svolgerà nell'ambito del seminario curato da Tommaso Mario Bolis e Salvatore di Blasi, per la cattedra di Storia della radio e della televisione.
Nell'occasione, interverranno le bands che hanno costituito la spina dorsale dell'album: Terzobinario, Esterina, K'IO, Spaccailsilenzio!, Riaffiora e Zero Etensioni Neuronali.
Saranno inoltre presenti Guido Elmi (manager della NoPop), Red Ronnie (giornalista e critico musicale, che a Bologna gioca assolutamente in casa), Frank Nemola (arrangiatore e programmatore digitale), Lorenzo Osti (grafico pubblicitario e web designer), Danilo Tomasetta (direttore artistico della NoPop) e i professori Tommaso Mario Bolis e Salvatore di Blasi. Non mancherà lo stesso Venieri, che parteciperà all'evento in qualità di produttore del disco. Ampio spazio sarà dato anche alla musica per immagini: Swan, regista e general manager della Swan Film Europe, sarà infatti “testimonial” della proiezione di sei video realizzati dalla Swan Film Europe, che saranno mostrati agli astanti durante la stessa presentazione bolognese.
Tutto, fondamentalmente, ruoterà attorno alla nuova sfida che Guido Elmi ha deciso di intraprendere: entrare nella discografia in un modo meno “comodo” che non come il produttore del Blasco, intendendo così misurarsi con un'attività volta alla ricerca e alla pubblicazione di proposte artistiche vicine o affini ai suoi gusti di appassionato di musica.
Una prova inedita e, allo stesso tempo, una linea di rinnovamento senza compromessi.
L'idea della NoPop, infatti, nasce dalla constatazione che il mercato discografico attuale tende a privilegiare proposte musicali orientate verso un pop mainstream fortemente commerciale e ripetitivo, sia nella diffusione che nel messaggio. Qui, invece, si parla – e si suona – rock. Ed Elmi ha saggiamente voluto accanto a sé anche l'estro artistico di Nicola Venieri.

Massimo Giuliano 17/01/2007 8.42