E' già battaglia per il film di Natale. Vinceranno polli, pinguini o maghetti?

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1267

È iniziata la sfida natalizia del botteghino, senza esclusione di colpi.
Siamo solo a novembre, ma il tempo non deve ingannare: già siamo circondati da alberi, luci colorate, babbo natale in cartone o come manichino, ecc. e naturalmente, cartelloni pubblicitari dei prossimi titoli natalizi, nazionali e hollywoodiani.
La sfida, per i più piccini o - chi non vuole crescere, si preannuncia animale: pinguini contro polli, alla faccia dell'influenza aviaria.
“La marcia dei pinguini”(per approfondire guardare
qui
e
qui
), ironico
e simpatico documentario che ha sta sbancando a destra e manca, e “Chicken
little
”, l'ultima pellicola di casa Disney.
E allo stesso tempo finzione contro reale, con i pinguini veri (anche se le voci narranti sono umane, come quella di Fiorello per la versione italiana) contro i polli virtuali, frutto delle ormai avanzatissime tecnologie di cartone animato digitale.
I pinguini avranno dalla loro la data di uscita, il prossimo 18 novembre, a differenza dei polletti Disney che saranno nelle sale solo il 3 dicembre.
Alla lunga si saprà il vincitore, anche se i dati d'incasso del documentario ci danno più di un indizio: 80 milioni di dollari negli States.
E un'altra sfida sarà tv contro istituzioni: se da un lato, quello dei pinguini, ci sarà Fiorello, dall'altro, con i polli, il sindaco di Roma, Veltroni, nel ruolo del suo collega-tacchino, sindaco di Querce Ghiandose.
Attenzione però, ancora per il pubblico giovane o giovanissimo, al re incontrastato degli ultimi anni, Harry Potter che sarà visibile dal prossimo 28 novembre con il suo nuovo episodio, “Harry Potter
e il calice di fuoco
”.
E naturalmente non si può dimenticare un prodotto di casa nostra che da anni cattura l'attenzione di milioni di italiani e le critiche feroci di intellettuali e cinefili: la coppia Boldi-De Sica lancerà il suo ennesimo Natale in…, questa volta “a Miami”(per
le indiscrezioni
).
Nonostante i proclami di diverse settimane fa quando i due avevano annunciato l'assenza dalle sale della loro creatura natalizia ( l'ultima volta Boldi l'aveva ripetuto nella trasmissione di Gerry Scotti “Chi ha incastrato lo zio Gerry” ), facendo esultare più di un critico e piangere più di un bambino, eccoli qui ai nastri di partenza ( uscita prevista il 16 dicembre ).
La sfida è alle porte e il responso sarà certamente economico, di incasso, come l'industria del cinema è oramai adusa a fare.
Ernesto Valerio 17/11/2005 10.33